Soho
Il commercio al dettaglio russo è entrato in una nuova fase
24.01.2012 2335

Il commercio al dettaglio russo è entrato in una nuova fase

Nel segmento dei centri commerciali, c'è stata una certa stabilizzazione, affermano gli esperti di Astera BPN Paribas. Alla fine del 2011, un livello stabile della domanda di spazi commerciali ha portato al fatto che il livello di posti vacanti in strutture di alta qualità ha raggiunto quasi zero indicatori.

In queste condizioni, i proprietari si sono concentrati sul miglioramento dell'efficienza delle strutture esistenti. È stato utilizzato uno strumento per lavorare con gli inquilini come percentuale del fatturato. Per la prima volta, i proprietari hanno visto benefici tangibili da questo strumento: ha permesso di attrarre gli inquilini e ha assicurato la crescita del reddito per il proprietario.
“Il mercato al dettaglio russo è entrato in una fase matura. Il livello dei requisiti per i locali e la selettività degli operatori al dettaglio sono aumentati notevolmente a causa dell'instabilità dei mercati finanziari. I rivenditori hanno cambiato la loro strategia di sviluppo: avendo abbandonato l'attenzione sulla rapida crescita quantitativa dei negozi a qualsiasi costo, si sono rivolti a una politica equilibrata di scelta di ogni locale specifico a seconda del potenziale di utilizzo ", commenta Olga Zbrueva, responsabile del servizio clienti dell'azienda.

Le restrizioni alla costruzione di strutture commerciali nel centro e il basso volume di messa in servizio di nuove strutture costringono le catene di vendita al dettaglio in via di sviluppo attivo a rivolgersi al segmento del commercio di strada. L'importanza dei progetti di immagine per i rivenditori sta diminuendo. Molti operatori, che in precedenza occupavano locali del segmento premium nei principali corridoi commerciali di Mosca, stanno chiudendo negozi non redditizi e si stanno trasferendo nei centri commerciali o nel segmento della vendita al dettaglio di strada nelle aree residenziali.

Nel processo di formazione delle tariffe di affitto per i locali commerciali nel formato di vendita al dettaglio di strada, sono emerse due tendenze dirette in senso opposto. Da un lato, c'è una diminuzione del canone di locazione (fino al 10%) per oggetti sopravvalutati con lunghi periodi di esposizione. D'altra parte, c'è un aumento delle tariffe di noleggio (fino al 25%) per i locali liquidi alla fine dei termini dei contratti e quando l'inquilino viene cambiato nelle principali strade dello shopping, scrive il sito web malls.ru.

Nel segmento dei centri commerciali, c'è stata una certa stabilizzazione, affermano gli esperti di Astera BPN Paribas. Alla fine del 2011, un livello stabile della domanda di spazi commerciali ha portato a ...
5
1
Valutazione

Ultime notizie

Salvatore Ferragamo ha cambiato il logo

Il marchio italiano di calzature e accessori di lusso Salvatore Ferragamo, seguendo l'ultima tendenza delle maison di alta moda, ha abbreviato il suo nome, lasciando nel logo solo il nome del suo fondatore...
23.09.2022 160

Geox ha presentato una nuova collezione alla Milano Fashion Week

Il marchio italiano Geox, noto per le sue "scarpe traspiranti" tecnologiche, continua a sviluppare e rafforzare la direzione delle scarpe eleganti nel design. Nella collezione donna della stagione primavera-estate 2023, presentata alla Milano Fashion Week,…
23.09.2022 158

A Samara aprirà il più grande grande magazzino di designer russi SLAVA

Il 24 settembre aprirà a Samara il grande magazzino SLAVA che occuperà i locali del negozio Bershka, marchio che ha smesso di commerciare in Russia. Su una superficie di 1 mq. metri, verranno presentate collezioni di marchi russi alla moda di diverse regioni ...
22.09.2022 251

ECCO ha aperto un negozio pop-up nel grande magazzino Tsvetnoy

Il nuovo spazio pop-up del marchio di calzature danese ECCO nel grande magazzino di Mosca Tsvetnoy presenta una collezione di borse e accessori Ecco Leather Goods. Il pop-up shop sarà aperto fino alle 5...
21.09.2022 198

Prada acquista una partecipazione nella conceria toscana Superior

La holding italiana del lusso Prada Group ha annunciato l'acquisizione del 43,65% del capitale della conceria toscana Superior, specializzata nella lavorazione della pelle di vitello. L'importo della transazione è...
21.09.2022 362
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio