Il Natale 2011 è stato il peggiore per i rivenditori italiani in 10 anni
29.12.2011 2583

Il Natale 2011 è stato il peggiore per i rivenditori italiani in 10 anni

Il Natale 2011 è stato il peggiore per il profitto dei rivenditori italiani negli ultimi 10 anni, poiché le misure per salvare le autorità del paese nella lotta contro la crisi del debito hanno provocato una riduzione della spesa dei consumatori, segue i dati dell'organizzazione di ricerca italiana Codacons. In particolare, secondo le stime dell'azienda, le spese natalizie per persona in Italia sono state in media di soli 48 euro, che è inferiore alla media degli ultimi 5 anni. Allo stesso tempo, il maggiore impatto è stato sul settore calzaturiero e dell'abbigliamento, dove le vendite natalizie sono diminuite del 30% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Inoltre, la società è preoccupata per la prossima stagione di saldi invernali a gennaio. "Sarà un fallimento", ha detto nel messaggio il presidente del Codacons Carlo Rienzi. “Le famiglie non hanno modo di spendere per beni non essenziali, anche con sconti stagionali. La diminuzione del volume degli acquisti dei consumatori può raggiungere il 30-40% rispetto all'anno precedente ".

Giovedì scorso, la camera alta del parlamento italiano (Senato) ha adottato misure anticrisi proposte dal governo di Mario Monti volte a stabilizzare la situazione economica del Paese. Le misure anticrisi per un importo di 33 miliardi di euro per i prossimi tre anni sono state approvate dal governo all'inizio di dicembre e adottate dalla Camera dei deputati il ​​17 dicembre. Includono una serie di passaggi volti a raggiungere il bilancio in pareggio dell'Italia nel 2013.
Secondo gli esperti dell'organizzazione di ricerca Federconsumatori, un piano di risparmio di budget costerà 1,129 mila euro per ogni famiglia italiana.

Il livello di fiducia dei consumatori in Italia a dicembre è sceso al livello più basso negli ultimi 16 anni, mentre il PIL del paese nel terzo trimestre è diminuito dello 0,2% rispetto al trimestre precedente. Allo stesso tempo, le autorità del paese prevedono un ulteriore declino dell'economia italiana, il che potrebbe significare una quarta recessione dal 2001. Pertanto, un paese può tornare alla crescita del PIL solo nella seconda metà del 2012. È stato riferito da RIA Novosti.

 Il Natale 2011 è stato il peggiore per il profitto dei rivenditori italiani negli ultimi 10 anni, poiché le misure per salvare le autorità del paese nella lotta contro la crisi del debito hanno provocato una riduzione ...
5
1
Valutazione

Ultime notizie

Birkenstock reinventa i sandali Zurich

Il marchio di calzature tedesco Birkenstock ha deciso di ridisegnare il suo modello di sandalo Zürich, sessant'anni dopo il lancio della silhouette. La versione aggiornata del modello si chiamava “Zürich…
27.02.2024 139

Lineapelle di Milano ha registrato un incremento di presenze

La fiera internazionale della pelle Lineapelle, tenutasi a Milano a febbraio, ha attirato 25 acquirenti professionisti provenienti da tutto il mondo. Gli organizzatori notano un incremento di presenze all’evento rispetto ai due...
26.02.2024 119

Questa settimana inizia la settimana della moda di Mosca

La settimana della moda di Mosca si terrà nella capitale russa dal 1 all'8 marzo in due sedi - nel Manege Central Exhibition Hall e nel padiglione n. 75 del VDNKh - uno degli spazi dell'Esposizione Internazionale e del Forum...
26.02.2024 238

Il consumo globale di calzature crescerà del 9,5% nel 2024

Nella revisione analitica settimanale di World Footwear, “Studio delle condizioni del business globale delle calzature”, gli esperti prevedono un aumento del consumo globale di calzature in paia del 2024% su base annua per il 9,5. La revisione analitica è stata compilata sulla base dei risultati...
26.02.2024 273

Si è svolta a Milano la fiera MICAM

Nel mese di febbraio Milano ha ospitato quattro grandi mostre dedicate alla moda, alle calzature e agli accessori. MICAM Milano, MIPEL, The One Milano e Milano Fashion&Jewels hanno attirato in totale 40 visitatori da 821 paesi, scrive...
25.02.2024 254
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio