Il Natale 2011 è stato il peggiore per i rivenditori italiani in 10 anni
29.12.2011 2709

Il Natale 2011 è stato il peggiore per i rivenditori italiani in 10 anni

Il Natale 2011 è stato il peggiore per il profitto dei rivenditori italiani negli ultimi 10 anni, poiché le misure per salvare le autorità del paese nella lotta contro la crisi del debito hanno provocato una riduzione della spesa dei consumatori, segue i dati dell'organizzazione di ricerca italiana Codacons. In particolare, secondo le stime dell'azienda, le spese natalizie per persona in Italia sono state in media di soli 48 euro, che è inferiore alla media degli ultimi 5 anni. Allo stesso tempo, il maggiore impatto è stato sul settore calzaturiero e dell'abbigliamento, dove le vendite natalizie sono diminuite del 30% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Inoltre, la società è preoccupata per la prossima stagione di saldi invernali a gennaio. "Sarà un fallimento", ha detto nel messaggio il presidente del Codacons Carlo Rienzi. “Le famiglie non hanno modo di spendere per beni non essenziali, anche con sconti stagionali. La diminuzione del volume degli acquisti dei consumatori può raggiungere il 30-40% rispetto all'anno precedente ".

Giovedì scorso, la camera alta del parlamento italiano (Senato) ha adottato misure anticrisi proposte dal governo di Mario Monti volte a stabilizzare la situazione economica del Paese. Le misure anticrisi per un importo di 33 miliardi di euro per i prossimi tre anni sono state approvate dal governo all'inizio di dicembre e adottate dalla Camera dei deputati il ​​17 dicembre. Includono una serie di passaggi volti a raggiungere il bilancio in pareggio dell'Italia nel 2013.
Secondo gli esperti dell'organizzazione di ricerca Federconsumatori, un piano di risparmio di budget costerà 1,129 mila euro per ogni famiglia italiana.

Il livello di fiducia dei consumatori in Italia a dicembre è sceso al livello più basso negli ultimi 16 anni, mentre il PIL del paese nel terzo trimestre è diminuito dello 0,2% rispetto al trimestre precedente. Allo stesso tempo, le autorità del paese prevedono un ulteriore declino dell'economia italiana, il che potrebbe significare una quarta recessione dal 2001. Pertanto, un paese può tornare alla crescita del PIL solo nella seconda metà del 2012. È stato riferito da RIA Novosti.

 Il Natale 2011 è stato il peggiore per il profitto dei rivenditori italiani negli ultimi 10 anni, poiché le misure per salvare le autorità del paese nella lotta contro la crisi del debito hanno provocato una riduzione ...
5
1
Valutazione

Ultime notizie

Le sneakers con l'immagine della vittoria di Donald Trump diventano bestseller

"Fight Fight Fight" è il nome di un paio di sneakers alte con un'immagine vittoriosa di Donald Trump dopo l'attacco. Le scarpe, rilasciate dal politico in ricordo dell'attacco terroristico in Pennsylvania, furono prodotte in 4700 paia e furono un successo commerciale. Paio…
20.07.2024 292

Birkenstock apre il primo negozio a Parigi

Il primo negozio parigino di Birkenstock apre questo sabato. Negozio su due livelli con una superficie di 130 mq. metri si trova nel cuore del quartiere alla moda parigino Marais, dove showroom interni, gallerie d'arte, boutique,...
19.07.2024 429

OrthoLite espande il suo centro di produzione in Europa

Il produttore americano di solette ha annunciato l'espansione della sua struttura europea, OrthoLite Europa (OEU), situata ad Almansa, in Spagna. L’azienda si sforza di avvicinarsi ai partner europei e mira ad aumentare…
18.07.2024 620

Almaty ospiterà una mostra di calzature, pellicce, pelletteria e accessori Euro Shoes@CAF

Dal 18 al 20 agosto, ad Almaty, presso il complesso espositivo Atakent, si terrà la principale fiera dell'industria della moda in Asia centrale - Central Asia Fashion (CAF). Per la quarta stagione, il CAF si svolgerà con il supporto di Mosca International Footwear e...
17.07.2024 530

Supreme in vendita per 1,5 miliardi di dollari

VF Corp. venderà il popolare marchio di moda di strada Supreme, significativamente inferiore al prezzo di acquisto effettuato dalla società nel 2020, in un contesto di vendite in calo e di interesse in calo per lo street style, scrive...
17.07.2024 741
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio