Scarpe per bambini ed etichettatura. Le nuove regole di lavoro non aiuteranno a far uscire il segmento dei bambini dall'ombra
11.02.2019 12579

Scarpe per bambini ed etichettatura. Le nuove regole di lavoro non aiuteranno a far uscire il segmento dei bambini dall'ombra

Cinque mesi dopo, dal 1 ° luglio 2019, la marcatura delle scarpe diventerà obbligatoria per tutte le aziende che operano nel mercato russo. Questo evento si sta inevitabilmente avvicinando, ma produttori, grossisti, distributori e rivenditori hanno ancora molte domande per gli sviluppatori del nuovo sistema e non sono ancora state ricevute risposte chiare. Continuiamo a pubblicare opinioni dei partecipanti al mercato sui preparativi per l'innovazione. Alle domande su come il passaggio all'etichettatura obbligatoria influenzerà il segmento delle scarpe per bambini, se cambieranno le principali catene commerciali e i canali di distribuzione, quali difetti sono ancora nella legge, quali saranno i problemi più difficili durante il periodo di transizione, risponde Alexander Borodin, amministratore delegato di Mila - scarpe all'ingrosso ".

Alexander Borodin Alexander Borodin - Responsabile dell'azienda "Mila" - scarpe all'ingrosso ". Nel settore calzaturiero - più di 20 anni. Durante questo periodo, è passato dalla vendita al dettaglio alla vendita all'ingrosso. "Mila" - scarpe all'ingrosso "è stata fondata nel 2000, allo stesso tempo è stata scelta la specializzazione - scarpe per bambini. Attualmente, l'azienda porta ogni anno per i grossisti agli Urali 700 mila paia di scarpe per bambini. L'anno 2009 è stato un passo avanti per l'azienda, quando è stato lanciato un negozio online, in cui per la prima volta i prezzi all'ingrosso sono stati pubblicati sul mercato russo di dominio pubblico. Alexander sta lavorando attivamente per stabilire uno scambio di informazioni tra i partecipanti al processo di negoziazione, è impegnato nello sviluppo di progetti: il centro commerciale virtuale "Centipede", un piccolo negozio online all'ingrosso "Delenka" e un deposito di custodia.

Prima di trovare le risposte a queste domande, esaminiamo quali sono state le basi per l'introduzione della marcatura obbligatoria.
Ci sono sempre state aziende sul mercato che operano secondo schemi sia “bianchi” che “grigi”. Gli strumenti precedentemente utilizzati per proteggere l'azienda (GOST, TU, certificazione) erano inefficaci. Lo sviluppo della tecnologia dell'informazione consente di contrassegnare ogni paio di scarpe, il che, a sua volta, consente di tracciare l'intero percorso del suo movimento lungo la catena di distribuzione, compreso il pagamento di tutti i pagamenti obbligatori - dazi, imposte e tasse. Paia di scarpe che non dispongono di tale passaporto dovrebbero essere rimosse dalla vendita.

Per raggiungere questo obiettivo, è necessario che le scarpe siano contrassegnate all'inizio della catena di distribuzione, nel sito di produzione. Ma oggi la marcatura delle scarpe può essere eseguita non nella prima fase, è consentita. È sufficiente che il proprietario della merce acquisti dei pennarelli per qualsiasi lotto di scarpe e li incolli su singole confezioni di paia. In questo caso, il passaporto delle scarpe viene compilato secondo le parole del proprietario della merce. Questo approccio consente di contrassegnare non solo le scarpe "bianche", ma tutte le scarpe "grigie".
La capacità del mercato delle calzature per bambini è di circa 150 milioni di paia all'anno. Allo stesso tempo, non più del 10% viene venduto in "bianco". È impossibile che un processo aziendale "grigio" così vasto e ottimizzato scompaia dall'oggi al domani. Molto probabilmente, l'acquisto di token verrà aggiunto agli schemi di vendita grigi esistenti.

Per evitare problemi con la legge, i produttori in fase di produzione devono avviare l'etichettatura (questa è in realtà l'assegnazione del codice a barre a ciascuna dimensione), che di per sé è un fenomeno molto utile. Gli intermediari (grossisti, negozi) dovrebbero iniziare a collaborare solo con i fornitori di calzature etichettate.

Data la predominanza di schemi "grigi" per la promozione delle merci e l'imperfezione del sistema di etichettatura, si può presumere che non si verificheranno cambiamenti significativi nelle catene di distribuzione.
La nuova legge è di natura controllante, restrittiva e punitiva. Ha lo scopo di tutelare gli interessi dello Stato e di un piccolo numero di fornitori "bianchi", ma non protegge in alcun modo gli interessi dei consumatori. Inoltre, la sua introduzione porterà sicuramente ad un aumento dei prezzi. Anche la procedura per l'introduzione della nuova legge solleva una serie di interrogativi. È chiaro che tutti i produttori dal 2019 ° luglio 1 inizieranno a etichettare le scarpe (codice a barre). Queste azioni sono logiche e non così difficili. Ma non è assolutamente chiaro perché tutti gli intermediari dovrebbero marcare le proprie azioni? Per che cosa? Tutte le scarpe prodotte prima del 2019 luglio 2 non erano contrassegnate e non dovevano essere contrassegnate. È necessario attendere la sua vendita naturale entro 3-XNUMX anni e solo allora richiedere agli intermediari di avere l'etichettatura obbligatoria sui resti di scarpe vecchie.

In qualità di intermediario nella catena di conduzione delle merci, la nostra azienda ha continuato e continua a collaborare solo con aziende "bianche". Nel periodo rimanente prima dell'entrata in vigore della legge, ridurremo il livello di scarpe non contrassegnate nel nostro magazzino ai valori minimi e quindi etichetteremo i resti.



Cinque mesi dopo, dal 1 ° luglio 2019, la marcatura delle scarpe diventerà obbligatoria per tutte le aziende che operano nel mercato russo. Questo evento si avvicina inevitabilmente, ma domande agli sviluppatori del nuovo ...
3.4
5
1
3
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Qual è l'errore dei fornitori di scarpe per bambini nel lavorare con le aziende all'ingrosso

Il tema del lavoro di fornitori e grossisti è stato più volte sollevato sulle pagine del nostro magazine da Alexander Borodin, esperto nella vendita di calzature per bambini, il manager dell'azienda Mila. In un'intervista con SR, Alexander ha raccontato perché sorgono le difficoltà, quali sono gli errori ...
18.07.2022 5877

Come lavorare con i mercati per evitare la concorrenza tra l'assortimento online e il negozio offline

Molti rivenditori e produttori di scarpe lavorano oggi con i mercati. Tuttavia, questa cooperazione ha sia i suoi vantaggi che i suoi svantaggi. Uno di questi è la concorrenza dell'assortimento online e offline, il deflusso di acquirenti reali verso i mercati,...
01.02.2022 7663

I produttori di scarpe brasiliani invitano gli acquirenti dalla Russia e dai paesi della CSI a incontri di lavoro in formato online

Dal 21 giugno al 2 luglio, in Russia e nei paesi limitrofi, si terranno incontri b2b online dei maggiori produttori brasiliani e buyer russi. Gli eventi sono sponsorizzati da Brazilian Footwear, un programma governativo che ...
07.06.2021 8951

DEOX rafforza la sua posizione di mercato

SR ha deciso di scoprire con quali problemi i calzolai russi dovevano vivere e lavorare e chiedere ai produttori di lavorare nella realtà odierna. Questa raccolta di materiali si concentrerà sull'impatto della pandemia di coronavirus sul business calzaturiero nazionale, ...
02.02.2021 9281

Lillian Roor, direttore vendite ARA in Russia: “ARA Shoes si impegna a essere il produttore più high-tech di calzature alla moda.

Il marchio di scarpe tedesco ARA è conosciuto e amato in Russia da molto tempo, sin dall'epoca sovietica. Quest'anno il marchio compirà 72 anni. L'azienda ha superato le difficoltà e le sfide causate dall'attuale pandemia di coronavirus e continua ad attuare i suoi piani. Sul…
17.05.2021 13778
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio