L'etichettatura non è solo per te stesso. AXA prevede di istituire centri di etichettatura in Europa e Turchia
25.02.2019 10531

L'etichettatura non è solo per te stesso. AXA prevede di istituire centri di etichettatura in Europa e Turchia

Edizione continua a seguire con interesse mentre AXA introduce i contrassegni di prova. il articolo precedentepubblicato nel December Shoes Report (№163), abbiamo cercato di raccontare il più possibile sulla soluzione di tutti i tipi di problemi che possono essere incontrati non solo da un'azienda di scarpe all'ingrosso, ma anche dal dettaglio quando si lavora con il nuovo sistema. In questo materiale parleremo dei risultati intermedi e delle conclusioni per tutto il tempo della partecipazione dell'azienda all'esperimento di etichettatura. Gli esperti del mercato calzaturiero - Dmitry Lavrukhin, Direttore Generale di AXA, e Alexander Senko, Direttore del Dipartimento di Information Technology rispondono ancora una volta in dettaglio alle domande dei redattori Axa.

Dmitry Lavrukhin Dmitry Lavrukhin - CEO di AXA
Alexander Senko Alexander Senko - Direttore IT presso AXA

SR: A che punto è l'introduzione del sistema di etichettatura nella tua azienda?

DL: Dall'incontro precedente con Shoes Report, abbiamo avuto cambiamenti globali negli affari. Il nostro sistema IT è completamente preparato per l'integrazione con il sistema di marcatura. Inoltre, abbiamo visitato la nostra produzione principale in Italia e raggiunto con i nostri partner tutti gli accordi necessari per la stampa e l'etichettatura. Quindi ci siamo incontrati con i leader di molti altri magazzini con scarpe italiane e abbiamo suggerito di etichettarli. Devo dire che gli italiani hanno ricevuto molto calorosamente la notizia dell'introduzione della marcatura in Russia, poiché per loro è un reddito extra. Non abbiamo ancora incontrato malintesi globali.

A.S .: Abbiamo fatto tutto il lavoro necessario per iniziare la marcatura sul nostro sito di test - un magazzino partner in Italia. Durante questo periodo, abbiamo formato il personale per lavorare con il nuovo sistema, integrato la prima versione del nostro software, installato l'apparecchiatura e già in grado di effettuare ordini per l'emissione di codici di marcatura e la loro applicazione.

SR: Pensi di coinvolgere altri paesi nell'esperimento? Se sì, quali?

DL: Sì, e abbiamo già iniziato a implementare questi piani. Dopo l'Italia, abbiamo visitato la Turchia, dove in un incontro con l'Unione locale dei produttori di scarpe e un certo numero di aziende interessate, abbiamo proposto l'idea di costruire un centro logistico per l'etichettatura e il trasporto di merci. Speriamo che i negoziati si concludano con successo e che il progetto sarà implementato. Nel prossimo futuro faremo un viaggio in Germania per incontrare i partner della società ARA. Poiché siamo i loro distributori in Russia, vogliamo provare a condurre congiuntamente un esperimento di etichettatura basato su questa azienda. In futuro, prevediamo di condurre trattative con altre società e magazzini tedeschi con l'obiettivo di creare un centro di marcatura in Germania. Ma dal punto di vista della base legislativa e fiscale, ci sono alcune sfumature.

SR: Come è cambiata la logistica in azienda?

A.S .: Abbiamo affrontato una serie di difficoltà. La prima difficoltà è che i magazzini logistici hanno enormi linee che scansionano automaticamente le scatole, ma finora non c'è esperienza nell'integrare il sistema di marcatura con questa apparecchiatura. Inoltre, non è ancora chiaro come questo sistema verrà integrato con 1C. Ora, quando, come parte dell'esperimento, incolliamo i codici di marcatura sulla scatola, sappiamo già con certezza a chi verrà in Russia. La cosa principale è che i dipendenti del magazzino non confondono nulla. Altrimenti, la merce verrà spedita ai clienti sbagliati e sarà impossibile venderla. Ora, come esperimento, abbiamo deciso di coprire il magazzino Wi-Fi e abbiamo acquistato l'apparecchiatura di archiviazione per la lettura per verificare immediatamente dove sono le scatole.

DL: Ci siamo resi conto che senza automazione in magazzino sarebbe impossibile lavorare e proviamo ad escludere il fattore umano il più possibile.

SR: Cosa dovranno fare i proprietari dei negozi al dettaglio? Quali modifiche apporteranno ai negozi al dettaglio?

A.S .: In ogni caso, sarà necessario aggiornare il firmware del botteghino, nonché condurre un inventario completo. Inoltre, per non dare un doppio pugno alla merce alla cassa, dovrai abbandonare il codice a barre lineare 1D. Con il nuovo sistema, sarà sufficiente scansionare il codice di marcatura 2D e questo codice identificherà e renderà conto della merce. È molto importante monitorare attentamente la conformità del prodotto contrassegnato con le informazioni nel database, altrimenti non sarà possibile implementarlo. A mio avviso, tutto ciò porterà al miglioramento dei processi aziendali all'interno del negozio. Finora, la domanda su come etichettare e cosa fare con gli avanzi rimane aperta, ma presto dovremmo ricevere nuove normative dal Ministero dell'industria e del commercio di RF.

D.L .: Non è ancora chiaro a tutti i partecipanti al mercato delle scarpe cosa accadrà dopo il 1 luglio 2019. Temo che nel primo anno dovremo confrontarci con prodotti contraffatti introdotti in precedenza e contrassegnati come rimanenti. Speriamo che l'idea del governo della Federazione Russa sia pienamente attuata. E un'altra cosa: i colleghi del CRTC hanno menzionato una volta la costruzione di "Centri di etichettatura ed etichettatura", ma al momento non si sa nulla.

SR: Quali difficoltà hai incontrato durante l'implementazione del progetto?

A.S .: Il primo è quello di trasmettere alle persone ciò che vogliamo ottenere di conseguenza. Quando siamo arrivati ​​in Italia per la prima volta, abbiamo appreso che in alcuni magazzini non vi sono attrezzature e software necessari per la marcatura. Abbiamo deciso di presentare i nostri sistemi IT. Quindi abbiamo provato a trasportare attrezzature dalla Russia, ma, come dimostrato dalla pratica, è completamente inopportuno e costoso. Un altro punto: tutto deve essere conforme ai requisiti del MDG. Anche una stampante richiede materiali di consumo che si trovano nel paese in cui vengono applicate le etichette. Abbiamo dovuto abbandonare l'idea di produrre e stampare etichette online. Cioè, prima di iniziare la produzione di scarpe, ordiniamo prima i codici di marcatura e solo allora le scarpe escono dalla catena di montaggio.
La questione più difficile e irrisolta è la dogana. Il sistema nella forma che è ora è completamente inoperante. Non abbiamo ancora ricevuto le norme necessarie su come collegare i nostri software e rappresentanti doganali. Non c'è generazione di etichette e codici sulla scatola, cioè quando metti le scatole etichettate in una scatola grande, devi capire quali codici di marcatura sono all'interno della scatola. Si scopre che la marcatura sulle paia di scarpe richiede ancora la marcatura sulla scatola per non aprirla e ne sarà necessaria un'altra sul pallet, con i codici per contrassegnare le scatole.

SR: Che esperienza hai acquisito partecipando a un progetto pilota?

AS La più grande esperienza sta lavorando in nuove condizioni e nel tentativo di automatizzare tutti i processi interni dell'azienda al fine di ridurre al minimo e da qualche parte eliminare completamente il fattore umano. Non abbiamo mai avuto un'esperienza simile prima d'ora.

DL I miei colleghi e abbiamo già visto che l'80% del successo di un'intera azienda dipende dall'IT. Il progetto pilota ci ha reso più focalizzati, stiamo facendo tutti i processi ufficialmente. Come indicato nell'articolo precedente, siamo pronti a risolvere il problema di qualsiasi azienda calzaturiera contrassegnando le loro scarpe e importandole nel territorio della Federazione Russa con un agente o un contratto di vendita.

Edizione continua a seguire con interesse mentre AXA introduce i contrassegni di prova. In un precedente articolo pubblicato nel Rapporto sulle scarpe di dicembre (n. 163), abbiamo provato ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Siamo pronti per lo sviluppo attivo nel mercato russo

Friedrich Naumann, CEO del marchio Tamaris, ha parlato a Shoes Report dei piani ambiziosi dell'azienda, dello sviluppo del business in Russia e dell'espansione della rete di vendita al dettaglio, e ha anche condiviso dettagli sulle nuove collezioni e...
29.03.2024 2312

La fiera internazionale delle calzature Euro Shoes Premiere Collection si è tenuta con successo a Mosca

La più grande fiera russa di calzature e accessori, Euro Shoes, si è tenuta a Mosca dal 19 al 22 febbraio ed è diventata ancora una volta la piattaforma principale per l'incontro tra marchi di moda e...
29.02.2024 2144

Colori vivaci della primavera che si avvicina: il marchio di scarpe TAMARIS ha presentato una nuova collezione SS'24

Il marchio tedesco di scarpe e accessori Tamaris ha presentato una nuova collezione per la stagione primavera-estate 2024, che comprendeva modelli eleganti e comodi per ogni occasione. La collezione combina diversi temi alla moda e ogni donna troverà quello perfetto per se stessa...
27.02.2024 2092

IGI&Co ha presentato ad EURO SHOES una nuova linea di sneakers Urban active con membrana GORE-TEX

Il marchio di scarpe italiano IGI&Co, noto ai russi per le sue scarpe comode realizzate in vera pelle, ha lanciato una nuova linea IGI&Co Extra. Comprende modelli di scarpe da ginnastica da uomo e da donna (scarpe da ginnastica alte e basse) in diverse opzioni...
19.02.2024 1896

Il marchio turco Vaneda su Euro Shoes

Street style, sport, outdoor, militare: le principali direzioni stilistiche delle calzature dell'azienda turca
20.02.2024 2471
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio