Rieker
"C'era una luce alla fine del tunnel ..." I partecipanti del mercato calzaturiero sulla situazione del settore.
22.12.2020 4674

"C'era una luce alla fine del tunnel ..." I partecipanti del mercato calzaturiero sulla situazione del settore.

Il 2020 è diventato un anno di crisi per il settore reale dell'economia e dell'industria calzaturiera. Shoes Report ha parlato con i grossisti, Mikhail Kryuchkov, capo della società di distribuzione Paloma, che rappresenta una serie di marchi di scarpe spagnoli sul mercato russo, e Renat Malikov, co-proprietario di Tuffoni, che sviluppa il marchio di scarpe con lo stesso nome. La conversazione riguardava le specificità della crisi attuale, su “c'è una luce alla fine del tunnel” e quando questo “tunnel” finirà.

Mikhail Kryuchkov Mikhail Kryuchkov - Direttore Generale della società di distribuzione Paloma

Renat Malikov Renat Malikov - comproprietario dell'azienda Tuffoni

Shoes Report: stiamo vivendo la seconda ondata di pandemia e la seconda ondata di crisi. Sembrerebbe che siamo già abituati alle crisi, eppure questa è speciale. Qual è la sua specificità?

Renat Malikov: Il problema principale di questa crisi è che nessuno capisce cosa accadrà dopo. È impossibile prevedere. Chiudono fabbriche e non solo calzaturifici, ma anche componenti e accessori. Ora è difficile creare collezioni, perché non puoi andare da nessuna parte, ci sono pochissime informazioni. Il problema principale è questo, cioè, anche prendendo ordini di scarpe, si scopre che alcuni modelli non possono essere prodotti.

Mikhail Kryuchkov: Le fabbriche sono aperte per mezza giornata e ridimensionamento. Sono previste anche riduzioni delle collezioni. Vengono prodotti meno stampi rispetto al passato, tutti capiscono che la domanda è diminuita.

Rapporto sulle scarpe: molte fabbriche chiudono effettivamente in Cina?

Renat: Molto, e non solo nel nostro segmento. Ora ci stiamo trasferendo in un nuovo ufficio, in parte in espansione con una prospettiva di sviluppo. Stiamo per aprire la seconda riga. Ho ordinato la luce in Cina per il nostro nuovo ufficio, c'è una città dove si produce solo luce. Circa il 70% dei negozi e delle fabbriche di questa città hanno chiuso per sempre. Quando ero lì circa otto anni fa, tutto era pieno di negozi. Adesso quasi tutto è chiuso. Non è solo il nostro settore a soffrirne.

Michael: Soffriamo perché il consumatore finale ha ora preso una pausa per stare con i soldi, per vedere cosa succederà dopo, come si svilupperà tutto.

Renat: Guarda, non appena è stato annunciato in ottobre che la modalità di lavoro remoto è stata parzialmente reintrodotta, il commercio si è fermato completamente. Lo stesso fallimento si è verificato a marzo-aprile.

Michael: In primavera, quando eravamo in quarantena, Internet ci ha aiutato, molti hanno iniziato a svilupparsi online. All'inizio, le persone erano ottimiste sul fatto che sarebbe passato rapidamente. Ora gli investitori contano sul vaccino.

Renat: Quando iniziano a vaccinare in grandi quantità, inizierà qualche movimento. Penso che ci sveglieremo solo in autunno. Perché le persone non verranno vaccinate così velocemente.

Michael: È come una guerra, quando l'attività della vita abituale si ferma, l'economia si ferma, quando le persone possono pianificare le proprie spese, vacanze, regali per il nuovo anno. Ora c'è una tale turbolenza che non sei sorpreso di nulla. Un gran numero di fabbriche fallisce ...

Tuffoni alla Euro Shoes Premiere Collection di Mosca nell'agosto 2020 Tuffoni alla Euro Shoes Premiere Collection di Mosca nell'agosto 2020

Renat: Cosa si può dire di questa stagione: innanzitutto le fiere sono andate bene, Euroshoes è andata bene, gli ordini sono stati confermati dai clienti ed è entrato in produzione. Cosa succederà dopo, vedremo. In autunno hanno funzionato meglio che in primavera, quando c'è stato un grosso rifiuto, poiché la quarantena è stata annunciata proprio durante la conferma degli ordini di incasso e il loro pagamento.

Michael: Sono d'accordo sul fatto che l'ultimo spettacolo di Euroshoes sia andato molto bene. Penso che a causa del fatto che c'erano meno partecipanti, abbiamo avuto poca concorrenza ...

Renat: Ma tutti i partecipanti principali lo erano. Tutti quelli che lavorano sempre erano rappresentati alla mostra. Di solito non c'era un gran numero di marchi turchi, che non sono membri permanenti, venuti a vedere quella che viene chiamata una possibilità. Chi lavora stabilmente nel mercato ha lavorato e ha lavorato bene. La cosa principale è che tutti i clienti sono arrivati ​​e non hanno ridotto i loro ordini.

Michael: E l'estate era bella, calda. Tutti i sandali, sandali aperti venduti bene.

Shoes Report: cosa puoi dire del tasso di abbandono della vendita al dettaglio online di cui tutti parlano ora?

Michael: Ora la vendita al dettaglio ha appena iniziato a funzionare. Mosca, ovviamente, è surriscaldata da sola, e nelle regioni coloro che siedono in posti buoni - la strada centrale, il miglior centro commerciale - si sentono bene. C'era richiesta, i magazzini venivano puliti a fondo. Ma questo è anche dovuto al fatto che molti non hanno confermato gli ordini per l'autunno, hanno preso solo l'estate. In estate, i negozi erano per lo più chiusi, San Pietroburgo generalmente apriva tardi, dopo Mosca. San Pietroburgo e Kazan sono state le ultime ad aprire.

Renat: Tuttavia, a San Pietroburgo la nostra collezione estiva è stata venduta per intero. Peter ha venduto bene in questa stagione.

Alla mostra Euro Shoes Premiere Collection a Mosca nell'agosto 2020 Alla mostra Euro Shoes Premiere Collection a Mosca nell'agosto 2020

Michael: Penso che i prossimi quattro mesi saranno molto difficili: dicembre, gennaio, febbraio, marzo. C'era ottimismo alla mostra (ndr: mostra Euroshoes), ma vedo come le cose stanno gradualmente scivolando via ...

Renat: E lo dirò in modo diverso, mi sembra, al contrario, - andrà tutto bene. Siamo ottimisti. Perché la stagione estiva inizia adesso. In estate, il commercio prenderà vita comunque.

Michael: Affinché i clienti possano acquistare la collezione primavera-estate e inviarti un pagamento anticipato e l'ordine è stato inviato alla produzione, i rivenditori devono vendere bene per l'inverno, ma ora vendono male.

Rapporto sulle scarpe: dipende da quanto le persone sono ora disposte a spendere nel segmento della vendita al dettaglio.

Renat: Naturalmente, i soldi non vengono spesi adesso. La situazione, come ha detto Zadornov, è questa: "C'era una luce alla fine del tunnel, solo il tunnel non finisce!" È difficile, ovviamente, ma quelli che non si siedono immobili, lavorano, sopravviveranno, nuoteranno. Se non c'è forza esterna che annegherà.

Shoes Report: Contiamo solo che questa pandemia finisca presto, e se no? Il virus non va da nessuna parte. Non è ancora chiaro sul vaccino ...

Renat: Le persone si abituano a tutto. Se non c'è orrore totale ... Ma questo equivale a speculare se ci sarà una guerra. Se c'è una guerra, che tipo di calzature, oltre agli stivali di tela cerata? Se la pandemia è lenta, si abitueranno, ci vivranno, tutto qui. Non siamo venuti qui con una giacca trapuntata, giusto? In questo momento il coronavirus, ma le persone sono sedute in un bar e nessuno è venuto a piedi nudi.

Shoes Report: Beh, Mosca in generale ...

Renat: No, non si tratta di Mosca. Tendono a vestirsi bene prima di tutto in periferia. Da molti anni Mosca ha un atteggiamento più semplice nei confronti di questo.

Shoes Report: A proposito, vorrei complimentarmi con la nuova collezione Tuffoni, mi è davvero piaciuta, sembra che tu segua tutte le tendenze - tacchi insoliti, punte squadrate ...

Renat: La collezione era completamente nuova, non avevamo praticamente ripetizioni sui pad. Ovviamente, per vendere con successo, devi considerare le tendenze. Se non ci sono tendenze, allora hai bisogno di un prezzo e per dare un prezzo hai bisogno della quantità. Ma se diamo un buon prezzo, ci saranno scarpe più semplici.

Rapporto sulle scarpe: come stanno i tedeschi?

Renat: Sì, hanno la loro nicchia, noi abbiamo la nostra. Ciascuno al suo posto.

Michael: Siamo concentrati sulla moda e sulle tendenze europee. Stiamo essenzialmente vendendo moda.

Renat: Moda - qualità - prezzo - il nostro segmento.

Tuffoni, primavera-estate 2021 Tuffoni, primavera-estate 2021

Rapporto sulle scarpe: cosa c'è in Spagna adesso? Che succede con i francobolli spagnoli?

Michael: Tutta l'Europa sta vivendo una pandemia molto difficile, e nel nostro Paese, ad esempio, il marchio Roobin's, che ha sempre venduto bene, anche in Europa, ha sofferto molto. La pandemia ha colpito duramente la fabbrica, è chiusa. I marchi europei vivono con i loro rappresentanti in ogni paese. Il rappresentante del marchio aiuta a sviluppare il prodotto sul proprio territorio. Durante la pandemia gli agenti non potevano lavorare, nessuno dava ordini alle fabbriche e la produzione iniziò a chiudersi. La fabbrica di Roobin è ancora chiusa.

Shoes Report: quanti brand ci sono nel portfolio di Paloma?

Michael: Quattro. Rococo ', On Foot (Spagna), Roobin's and Wonders.

Shoes Report: Ora è in corso lo sviluppo dei marketplace - Wildberries, Lamoda, Ozon ... Stanno crescendo, ampliando la matrice dell'assortimento, migliorando la logistica, riducendo la velocità di consegna. Lavori con i marketplace?

Renat: Vendiamo su Wildberries noi stessi e tramite partner. Ma recentemente, le vendite su questo mercato hanno iniziato a diminuire, a causa delle difficoltà con il controllo finanziario. Non parlo di dumping, ne abbiamo tenuto conto fin dall'inizio e abbiamo fornito collezioni completamente diverse che non si sovrappongono a quella principale, che viene costantemente ordinata dai nostri grossisti. Ma il problema è anche che Wildberries non fornisce praticamente alcuna informazione sulle vendite. Abbiamo chiesto indietro una parte del prodotto, ma per un anno non riusciamo ancora a riceverlo per intero. Scriviamo reclami, ma nessuno risponde. Non puoi lavorare così! Abbiamo volumi ridotti. Lavoriamo con Lamoda. Tutto è almeno chiaro e prevedibile e svilupperemo questa cooperazione. Non lavoriamo con Ozon.

Shoes Report: E il fatto che le mostre virtuali vengano organizzate adesso, come ti senti riguardo a questi progetti?

Renat: Quello che Mosshoes sta facendo ora, non lo abbiamo considerato affatto per noi stessi. La mostra Mosshoes è entrata nel segmento basso. Sono andati in una direzione diversa da quella che era in origine, e ora rappresentano scarpe e borse molto economiche.

Shoes Report: la tua produzione funziona in Turchia?

Renat: Sì, tutto funziona, niente è stato chiuso. Ordiniamo componenti ovunque, sia in Cina che in Italia: suole, imbottiture, cuoio.

Shoes Report: Per quanto riguarda la tua esperienza con MICAM, hai partecipato con successo alla mostra. Dopodiché, partecipi regolarmente?

Renat: Sì. Abbiamo ancora un ufficio di rappresentanza in Polonia, quest'area si sta sviluppando molto bene.

Shoes Report: come immagini il futuro, quali azioni intraprenderai per restare a galla?

Michael: Ora la sfida è semplicemente sopravvivere. Fai di tutto per proteggerti dai rischi. La cosa più importante è ridurre al minimo i costi, considerare completamente l'intera attività, comunicare con i clienti, i partner, le fiere, prevedere alcune cose e cercare di salvarti nei prossimi sei mesi e stabilire una sorta di prospettiva per il futuro. Tuffoni, in particolare, lancia una linea di abbigliamento. Inoltre non stiamo fermi. Prima di tutto, vogliamo mantenere quello che abbiamo e uscire per la nuova stagione in uno stato tale che i nuovi clienti ci prestino attenzione. E i nostri compiti attuali sono lo sviluppo della logistica, l'etichettatura, la partecipazione a fiere.

A proposito, nel mercato delle scarpe, la pandemia ha coinciso con l'introduzione dell'etichettatura obbligatoria. Conosco distributori che hanno dato l'etichettatura ai logisti e di conseguenza hanno avuto grossi problemi. Cioè, ora dobbiamo anche essere tecnologicamente ben organizzati.

Alla mostra Euro Shoes Premiere Collection a Mosca nell'agosto 2020 Alla mostra Euro Shoes Premiere Collection a Mosca nell'agosto 2020

Renat: Stiamo anche intraprendendo la strada del taglio dei costi e, in particolare, abbiamo ridotto la partecipazione alle fiere. La partecipazione alla stessa MICAM ora è discutibile, molto probabilmente ci perderemo un'altra mostra. Non saremo a Mosshoes, proprio come a Izmailovo. Queste sono esattamente le stesse riduzioni nella parte di spesa. Parteciperemo a Euroshoes a febbraio e ora ci trasferiremo in un nuovo ufficio in un centro commerciale a Rumyantsevo, dove avremo un nuovo showroom intorno a febbraio.

Intervistato da Marina Shumilina

Il 2020 è diventato un anno di crisi per il settore reale dell'economia e dell'industria calzaturiera. Shoes Report ha parlato con le società all'ingrosso, con Mikhail Kryuchkov, a capo della società di distribuzione Paloma, ...
3.44
5
1
2
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Stagione morta. Cosa trasformerà la quarantena Covid-19 per la vendita al dettaglio di scarpe

La vendita al dettaglio di scarpe riprende le operazioni a Mosca e nelle regioni, calcola le perdite, valuta le prospettive. Due mesi e mezzo di inattività sono stati un serio test per i rivenditori.
01.06.2020 14923

10 principali tendenze nel commercio al dettaglio per i prossimi 3 anni

Dieci tendenze principali emergenti nell'ultimo anno, che determineranno lo sviluppo del commercio mondiale nel prossimo futuro
11.03.2020 19323

La marcatura delle scarpe è iniziata. MTCT nominato operatore del progetto pilota di etichettatura

Il 1 ° giugno 2018 è stato lanciato un progetto pilota per la marcatura delle scarpe in Russia, finora su base volontaria. L'operatore di sistema è stato nominato una sussidiaria del Centro per lo sviluppo di tecnologie avanzate "Operatore CRPT", creato per implementare l'Unified National ...
23.07.2018 9897

Chipping shoes: essere o non essere

La proposta del Ministero dell'Industria e del Commercio della Russia sulla marcatura (scheggiatura) delle scarpe ha provocato un'accesa discussione tra esperti e partecipanti al mercato delle scarpe.
10.08.2017 30286

La marcatura è ora in inglese

Ora tutto il lavoro sul terminale di raccolta dati nelle licenze del magazzino estero “Kirovka” è possibile anche in inglese.
23.12.2019 4096
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio