Soho
I negozi prevedono il fiasco
23.07.2012 2838

I negozi prevedono il fiasco

In uno studio, gli analisti di Capgemini hanno concluso che gli acquirenti moderni non sono collegati a nessun particolare canale di vendita. Hanno intervistato 16 mila intervistati in 16 paesi che possono essere descritti come mercati di e-commerce maturi e in via di sviluppo (Australia, Brasile, Gran Bretagna, Germania, India, Italia, Spagna, Canada, Cina, Messico, Federazione Russa, Turchia, Finlandia , Francia, Svezia, Stati Uniti).

Secondo le previsioni degli specialisti dell'azienda, aumenterà la domanda di pari presenza dei rivenditori su tutti i canali contemporaneamente. E i consumatori ritengono che la transizione tra i canali dovrebbe essere semplice e poco appariscente. Cioè, le persone credono che dovrebbe verificarsi la convergenza di un negozio online, un negozio ordinario, un sito mobile e persino una pagina su un social network.

"Mentre i rivenditori in passato hanno beneficiato e sono sopravvissuti grazie all'eccellente merchandising o alle posizioni premium, le aziende ora capiscono che gli investimenti dovrebbero essere diretti ad altre aree a questo punto", afferma Forrester, una società di consulenza. risorse a favore dell'informatica ”.

Il 60% degli intervistati prevede che questo dovrebbe finalmente diventare la norma già nel 2014. La società di ricerca ha definito tali obiettivi difficili da raggiungere, poiché oltre la metà degli intervistati non considera gli sforzi dei commercianti che stanno attualmente facendo per essere presenti ovunque.

Internet rimane un canale prioritario per gli intervistati. L'importanza di avere un sito Web è riconosciuta da tutti gli acquirenti online, indipendentemente dalla regione. L'80% degli intervistati concorda con l'affermazione secondo cui Internet è molto importante per loro. Il 63% degli intervistati nei mercati sviluppati è d'accordo con questo. Stime simili sono state ricevute e l'interazione con i clienti via e-mail. Tuttavia, anche i canali come social media, app mobili e chioschi all'interno dei negozi stanno guadagnando popolarità.

"È già chiaro che l'e-commerce terrà la sua posizione e diventerà una parte fondamentale dell'economia sviluppata", ritengono gli esperti di Interactive Media In Retail Group. "Ma il suo ruolo nei mercati emergenti non è stato ancora completamente compreso. Dalla nostra ricerca, possiamo affermare che esiste un margine significativo per la crescita dell'e-commerce transfrontaliero in Asia e Sud America. In queste regioni, l'evoluzione della vendita al dettaglio online è molto diversa dalla sua evoluzione in Europa o Nord America. Questi paesi stanno passando immediatamente al commercio mobile ".

Esistono differenze significative tra i mercati sviluppati ed emergenti. Ad esempio, secondo alcuni indicatori, questi ultimi sono in testa a quei mercati in cui la vendita al dettaglio online si è sviluppata da più tempo. Pertanto, il 72% degli intervistati dall'India e il 69% dalla Cina ha dichiarato di acquistare più prodotti e beni per transazione nei negozi online, anziché in quelli tradizionali. Allo stesso tempo, solo il 31% degli intervistati negli Stati Uniti ha concordato con la stessa dichiarazione.

I clienti hanno aspettative piuttosto elevate dallo sviluppo del commercio al dettaglio. Oltre la metà degli intervistati nei mercati sviluppati o emergenti prevede che entro il 2020 i normali negozi diventeranno solo showroom in cui i clienti possono selezionare e ordinare prodotti.

Secondo i risultati della ricerca, gli utenti "avanzati" spenderanno più soldi. Pertanto, il 56% degli intervistati ha affermato di poter spendere di più se ha l'opportunità di cercare informazioni su un prodotto su Internet. È vero, il 73% degli intervistati prevede che il costo delle merci online sarà inferiore a quello dei negozi convenzionali.

“Il settore della vendita al dettaglio deve ora separare l'hype dalla realtà e adottare un modello cross-channel per rimanere redditizio. È molto importante per i rivenditori capire chi sta utilizzando quale canale per indirizzare le proprie risorse nella giusta direzione e monetizzarle ", affermano gli esperti. Scrivi su questa "notizia economica".

In uno studio, gli analisti di Capgemini hanno concluso che gli acquirenti moderni non sono collegati a nessun particolare canale di vendita. Hanno intervistato 16 mila intervistati in 16 ...
5
1
Valutazione

Ultime notizie

Il marchio di scarpe architettoniche Nicholas Kirkwood sta chiudendo

Il designer britannico Nicholas Kirkwood ha preso la decisione di chiudere il suo omonimo marchio di scarpe dopo 18 anni di sviluppo. Fondato nel 2005, Nicholas Kirkwood è un marchio di lusso noto per il suo design innovativo e architettonico…
02.02.2023 191

Ferragamo registra una crescita dei ricavi nel 2022

Il gruppo italiano del lusso Salvatore Ferragamo riporta una crescita delle vendite nel 2022 in tutte le regioni ad eccezione dell'Asia-Pacifico, dove la crescita è rallentata a causa delle misure di quarantena legate alla diffusione di...
01.02.2023 196

L'ufficio di progettazione per Timberland e Vans lavorerà in Giappone

VF Corp, proprietaria dei marchi Timberland e Vans, ha annunciato l'apertura del Tokyo Design Collective nell'area metropolitana di Tokyo Harajuku per espandere il suo potenziale creativo.
01.02.2023 208

L'India vanifica i piani della Turchia di diventare il polo produttivo europeo delle calzature

Alla vigilia dell'inizio della seconda più grande fiera internazionale della calzatura Aymod, che si terrà a Istanbul dall'1 al 4 febbraio, Berke Ichten, capo dell'Associazione turca dei produttori di scarpe TASD, Berke Ichten ha delineato i momenti critici nello sviluppo della scarpa turca…
01.02.2023 400

Il fatturato del Gruppo Tod's ha superato nel 2022 il miliardo di euro

Il Gruppo Tod's italiano ha registrato una crescita dei ricavi del 13,9% su base annua del 2022% nel XNUMX, superando la soglia del miliardo di euro, trainata dalle forti vendite al dettaglio e dalla forte performance del marchio Tod's.
31.01.2023 307
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio