Soho
I marketer hanno definito le principali tendenze del commercio per i prossimi 3 anni
10.02.2012 2407

I marketer hanno definito le principali tendenze del commercio per i prossimi 3 anni

Secondo le previsioni della Russian Guild of Marketers, crescerà il numero di progetti di nicchia, il numero di piccole operazioni di fusione e acquisizione, le catene di vendita al dettaglio si uniranno in Unioni, la linea di assortimento nei negozi diminuirà e la quota di marchi privati ​​aumenterà.

I venditori di tutti i prodotti si concentreranno sulla tecnologia dell'informazione. Ogni rivenditore avrà vetrine online, se non in vendita, almeno per la selezione e il confronto dei prodotti.

La personalizzazione elettronica apparirà nei punti vendita. L'introduzione della tecnologia RFID continuerà e si allargherà la "smartphoneizzazione" della selezione dei prodotti e del pagamento in cassa.
I camerini virtuali non saranno più esotici. I clienti useranno sempre più chioschi informativi (per studiare e confrontare i prodotti). Sempre più spesso verranno utilizzati i cartellini dei prezzi elettronici.

Le previsioni sono state fatte dal presidente della Marketing Guild Igor Berezin e dal socio dirigente della società di consulenza Semperia Oleg Gvozdik presso il Guild Discussion Club, tenutosi a fine gennaio.

In generale, sia i fattori positivi che quelli negativi incidono sugli scambi. Lo sviluppo del commercio è supportato da una congiuntura (finora) buona dei mercati mondiali delle materie prime, un tasso di cambio condizionatamente stabile della valuta nazionale, una situazione di bilancio stabile, una bassa disoccupazione e un livello relativamente basso di consumo - non vi è un "consumo eccessivo" nel paese.

Lo sviluppo commerciale è ostacolato dalla corruzione, dalla scarsa attività di investimento, dall'aumento delle tasse, dalle "sorprese" climatiche, dagli "shock" esterni (situazione in Egitto, Libia e in altri paesi) e dall'insicurezza dei consumatori.

Ricordiamo che nel 2011 le vendite al dettaglio in Russia ammontavano a 19 miliardi di rubli. (+ 075% rispetto al 7,2). I beni non alimentari prevalgono nella struttura del consumo, la loro quota è del 2010%.

La quota del commercio di strada è scesa all'11,5%. Dal punto di vista dei canali di vendita, le maggiori dinamiche sono attese su Internet - se nel 2011 sono stati venduti su Internet beni per un valore di 360 miliardi di rubli, nel 2012 questa cifra salirà a 520 miliardi di rubli. Tuttavia, la quota di Internet continuerà ad essere insignificante, scrive analpa.ru.

Secondo le previsioni della Russian Guild of Marketers, crescerà il numero di progetti di nicchia, crescerà il numero di piccole operazioni di fusione e acquisizione, le catene di vendita al dettaglio si fonderanno in Unioni, il numero di negozi diminuirà ...
5
1
Valutazione

Ultime notizie

Ecco Leather sta per ridimensionare la produzione di "pelle di funghi"

La conceria globale Ecco Leather, che fa parte del marchio di calzature danese Ecco, ha stretto una partnership con Ecovative per sviluppare e commercializzare materiali di micelio (struttura delle radici fibrose...
25.11.2022 358

Il direttore creativo di Gucci, Alessandro Michele, si dimette

La casa di moda italiana Gucci, parte del Gruppo Kering, ha annunciato la partenza di Alessandro Michele dalla carica di direttore creativo, che ricopriva dal 2015. Lavora come designer in azienda dal 2002…
25.11.2022 322

La fabbrica S-Tep "Shoes of Russia" può evitare il fallimento

Il calzaturificio S-Tep, parte del gruppo OR (ex Obuv Rossii), sta negoziando un accordo di pace con il suo principale creditore, ChOP Brest Plus, e quindi può evitare il fallimento, riferisce ...
24.11.2022 617

Il servizio fiscale federale vuole recuperare quasi 1,5 miliardi di rubli in detrazioni fiscali e multe da Ralf Ringer

Gli ispettorati fiscali n. 15 e n. 18 vogliono riscuotere circa 1,5 miliardi di rubli in tasse, multe e sanzioni dall'azienda calzaturiera russa Ralf Ringer. Il rivenditore sta cercando di contestare le azioni delle autorità fiscali attraverso il tribunale arbitrale di Mosca, - ...
24.11.2022 346

Il marchio di scarpe francese Both Paris ha collaborato con Yohji Yamamoto

Il 18 novembre è stata presentata un'interessante collaborazione tra il brand di scarpe francese Both Paris e il brand giapponese Yohji Yamamoto. Il risultato della collaborazione dei due brand è un modello di stivale alto unisex che attira l'attenzione dell'originale…
24.11.2022 318
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio