Legato a terra
14.05.2012 2769

Legato a terra

Il proprietario della "Tervolina" è stato accusato di frode con appezzamenti di terreno del valore di un miliardo di rubli

Il proprietario della catena "Tervolina" Vadim Stepanov è accusato di frode con appezzamenti di terreno nelle zone d'élite del distretto di Odintsovo della regione di Mosca

Si è conclusa l'inchiesta sul procedimento penale del titolare della rete "Tervolin" Vadim Stepanov. L'imprenditore, insieme a un dipendente della sua azienda, Andrei Yakovlev, è accusato di frode con appezzamenti di terreno situati nelle zone d'élite del distretto di Odintsovo, nella regione di Mosca. Il danno derivante dalle attività dell'imputato è stimato dalle indagini in oltre 1 miliardo di rubli.

L'azione penale nei confronti del proprietario della rete Tervolina è iniziata cinque anni fa dopo che il Rosprirodnadzor ha completato un'ispezione sull'uso delle terre del fondo forestale demaniale nell'area del villaggio d'élite di Nikolina Gora. L'audit ha rivelato che mancava una parte delle mappe con le assegnazioni di terra e, per tutte le indagini degli ispettori, i lavoratori del fondo forestale, come ha ricordato Oleg Mitvol, che ha condotto questo controllo, "hanno intrecciato alcune favole incredibili che i documenti sono stati mangiati dai topi e le copie bruciate in un incendio". Ma quando sono stati ritrovati i documenti persi, si è scoperto che 26 ettari di foreste che appartenevano alla silvicoltura di Zvenigorod in qualche modo finirono in proprietà privata (si noti che a quel tempo il valore di mercato di 1 ettaro di terreno in quest'area era di 5 milioni di dollari).

Il materiale di audit è stato inviato alle forze dell'ordine e presto ha costituito la base del procedimento penale istituito nell'ottobre 2007 ai sensi dell'art. 159 del codice penale (frode su larga scala). Di recente, l'art. 174 del codice penale (legalizzazione dei proventi da reato). Vadim Stepanov è stato arrestato, ma dopo la regista Nikita Mikhalkov, la violinista Yuri Bashmet, presidente della facoltà di giornalismo dell'Università statale di Mosca Yasen Zasursky, e un certo numero di altri personaggi della cultura famosi, un imprenditore a loro garanzia e anche su cauzione di 10 milioni di rubli, è uscito in sua difesa. È stato rilasciato dalla prigione.

Come affermato nei materiali del caso, l'indagine ritiene che Vadim Stepanov abbia sviluppato e implementato un ingegnoso schema fraudolento per impossessarsi di terreni federali. Essendo entrato, secondo l'inchiesta, in un accordo con "alcuni membri" del consiglio della cooperativa di consumatori della dacia "Workers of Science and Art" (RANIS), "con l'inganno e con documenti falsi" ha prima annesso parte del territorio forestale al suo territorio con la scusa di prendere l'inventario fondiario. Poi si è assicurato una lettera firmata da uno dei membri del consiglio di amministrazione RANIS, secondo la quale la cooperativa aveva già rifiutato nuovi siti. Sulla base di questo documento, e facendo anche riferimento alla decisione dell'assemblea generale del RANIS, un anno dopo, il capo del distretto di Odintsovo ha emesso una risoluzione che approva i nuovi confini della cooperativa e ha incaricato il comitato per le risorse del suolo di modificare i documenti del catasto fondiario statale, assicurando, come dichiarato nei materiali del caso, “Sequestro illegale di terreni del fondo forestale demaniale”. Dopo aver ricevuto tutti i documenti, il proprietario della rete di scarpe, secondo le indagini, ha acquistato il sito per 16 mila dollari, dopodiché "in base ad accordi di vendita e acquisto fittizi" queste terre sono state trasferite ai parenti e agli amici di Vadim Stepanov, e sono state anche formalizzate come presunti militari in pensione (hanno ricevuto minore indennizzo per la firma di documenti falsi) per dare all'intero schema l'aspetto di legittimo.

Nella fase finale della truffa, secondo l'indagine, questi lotti erano già stati rivenduti a “terzi” per la costruzione di alloggi al valore di mercato. Il danno derivante dalle azioni di Vadim Stepanov e del suo complice è stimato dalle indagini in oltre 1 miliardo di rubli. Entrambi gli imputati hanno preso l'impegno scritto di non lasciare il posto.

L'avvocato della proprietaria della catena di scarpe Aleksandra Alitovskaya ha spiegato: nonostante il fatto che i materiali raccolti dall'indagine comprendano 175 volumi, non ha trovato in essi alcuna prova della colpevolezza del suo cliente. L'avvocato è sicuro che il signor Stepanov non abbia commesso azioni illegali e il caso contro di lui è un tentativo di portargli via la compagnia. Lo scrive il quotidiano "Kommersant".

Il proprietario di "Tervolina" è stato accusato di frode con trame di un miliardo di rubli Il proprietario della rete "Tervolina" Vadim Stepanov è accusato di frode con la terra nelle zone d'élite di Odintsovo ...
5
1
Valutazione

Ultime notizie

Chloé torna agli anni '70 e include le zeppe nella collezione

Zeppe, zoccoli, scarpe con frange, sandali in pelle e zoccoli borchiati abbinati al denim in abiti e gonne lunghe con volant: ecco come è apparsa la collezione Chloé autunno 2024 sulla passerella della Fashion Week di...
01.03.2024 270

In calo i volumi di produzione delle calzature in Italia

Secondo i dati del Centro Formazione Confindustria Moda, nel 2023 in Italia sono state prodotte 148 milioni di paia di scarpe, l’8,6% in meno rispetto all’anno precedente. Inoltre, questa cifra è lontana dai 179 milioni di coppie che erano...
29.02.2024 247

Wildberries costruirà un grande centro logistico in Carelia

Wildberries costruirà un centro logistico a Petrozavodsk. Può diventare il più grande centro logo per un rivenditore online nella regione nordoccidentale, riferisce RBC...
28.02.2024 390

Adidas continua a rilasciare prodotti con il marchio Yeezy

La tedesca Adidas ha annunciato ulteriori rilasci della sua gamma Yeezy, con una serie di prodotti esistenti che saranno resi disponibili a livello globale in più fasi nelle prossime settimane, scrive...
28.02.2024 388

Street Beat ha aperto un negozio a Tula

La catena di negozi Street Beat ha aperto per la prima volta un negozio a Tula nel centro commerciale Gostiny Dvor. La superficie del negozio è di 300 mq. metri.
27.02.2024 501
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio