Ristrutturazione globale. Come le sanzioni hanno influenzato il mercato dei trasporti internazionali
17.05.2023 4255

Ristrutturazione globale. Come le sanzioni hanno influenzato il mercato dei trasporti internazionali

Per il terzo anno, la turbolenta situazione dell'economia è andata avanti: le regole stanno cambiando, vengono introdotte restrizioni artificiali e le aziende russe stanno affrontando nuovi problemi e sfide. Su quali cambiamenti ha subito il mercato dei trasporti internazionali e su come ha influito sull'importazione di scarpe in Russia, Shoes Report ha parlato con il direttore commerciale di una società di logistica AKFA Alexey Chernyshev.

Alexey Chernyshev Alexey Chernyshev -

Direttore commerciale di AKFA.

Shoes Report: Alexey, parliamo con te da parecchio tempo, mentre negli ultimi tre anni molto è cambiato nel campo della logistica internazionale. Vorrei discutere brevemente di tutti i cambiamenti: l'impatto della pandemia sul trasporto merci, le sanzioni, le restrizioni al transito delle merci attraverso il territorio della Federazione Russa... 

Alexey Chernyshev: Sì, sembra che la pandemia sia un ricordo del passato, ma stiamo ancora risolvendo i problemi che ha portato con sé per il settore della logistica. Ciò ha colpito molto fortemente la Cina, dove vi erano gravi restrizioni agli spostamenti dovute alle misure di quarantena. Per due anni lì è successo l'inimmaginabile: o la provincia sarebbe stata chiusa all'ingresso dei veicoli, poi sarebbero state costruite barricate davanti ai magazzini, limitando così l'accesso ai complessi di magazzini, quindi sarebbe stata introdotta la quarantena per i dipendenti ... Ma è sorprendente che non appena la quarantena in Cina è stata revocata all'inizio dell'anno, tutto è stato risolto in un solo giorno.

I prezzi per il trasporto su strada sono subito diminuiti. Anche la spedizione in container è diventata più economica. Ma durante la pandemia i prezzi per loro sono aumentati di circa tre volte e con la revoca della quarantena sono diminuiti solo di un terzo, quindi sono ancora in corso i tempi in cui si poteva "venire" dalla Cina alla Russia per 3-4mila dollari il passato. Sebbene i prezzi continuino a scendere, è probabile che superino i livelli pre-pandemia.

E la situazione in cui i contenitori non sono stati restituiti è ormai nel passato?

Beh, certo! Il tempo guarisce tutto, i proprietari di container hanno trovato una soluzione.

In che modo gli ultimi eventi del 2022 hanno influito sulla consegna delle merci in Russia?

Non hanno avuto quasi alcun effetto sulle spedizioni dalla Cina. L'unica cosa è che c'è stata un'interruzione nel trasporto dipsy per sei mesi, quando le grandi navi portacontainer sono arrivate nella parte europea della Russia. Questo mercato era completamente controllato da società transnazionali internazionali. E ora ha iniziato a riempirsi di vettori che gestiscono piccole navi e lavorano in collaborazione con società di logistica cinesi e indiane. Ora è già possibile prelevare merci dalla Cina e salpare con esse per San Pietroburgo, cosa che fino a poco tempo fa, a causa delle sanzioni, era impossibile.

Un altro cambiamento significativo nel mercato è l'enorme aumento del traffico dalla Turchia, causato dal transito di merci europee attraverso questo paese.

Tutti questi cambiamenti hanno influito sui tempi di consegna delle merci in Russia?

Beh, certo che è cresciuto. Ma all'inizio, niente ha funzionato affatto. Se prima la maggior parte del carico che andava dalla Cina alla Russia veniva ricaricata in Europa, poi con l'introduzione di sanzioni contro la Russia, iniziarono ad essere arrestati lì. Quindi ora le merci non arrivano in Europa, vengono trasportate da altre compagnie e altre rotte, e devo dire che al momento non mancano le capacità di trasporto. La soluzione è stata trovata, tutto funziona.

Il flusso di scarpe importate in Russia è aumentato o diminuito?

La nostra è aumentata. In generale, siamo un'azienda in attiva crescita, i trasporti dalla Turchia e dalla Cina sono cresciuti e dall'Europa sono scesi quasi a zero. Il volume totale del traffico è aumentato del quaranta per cento.

Si scopre che tutti questi inquietanti cambiamenti nell'economia hanno persino giocato nelle mani dell'AKFA?

Non siamo nel settore commerciale, forniamo un servizio. Di conseguenza, maggiori sono le difficoltà nel campo della logistica, maggiori sono le opportunità che abbiamo di offrire i nostri servizi per risolverle.

Alla fiera Euro Shoes, i calzolai indiani hanno parlato dell'emergere di una nuova rotta logistica dall'India attraverso l'Iran alla Russia. Ha già iniziato a lavorare?

In effetti, questa non è una nuova strada, esiste dai tempi dell'URSS, il cosiddetto corridoio nord-sud. Finora abbiamo paura di usarlo, perché al momento non esiste ancora un sistema logistico unificato e armonioso. Ma tutti gli occhi sono puntati su di esso, e penso che passeranno un paio d'anni e percorreremo attivamente questa rotta.

Uno dei momenti più difficili degli ultimi tempi per fare affari internazionali in Russia è stato il problema del pagamento delle bollette nelle transazioni internazionali. Hai trovato una via d'uscita?

Bisogna ammettere che ci sono difficoltà anche adesso. In precedenza, quando eravamo impegnati nello sdoganamento e nella logistica, non dovevamo pensare alla componente finanziaria, perché tutti i programmi erano stati impostati. Ora il metodo di pagamento è diventato il compito numero uno. Siamo giunti alla conclusione che il 99% dei pagamenti viene effettuato o in yuan o in lire. In generale, a livello statale, è ora in fase di sviluppo una legge sulla possibilità di condurre attività economiche estere in criptovalute, ma questa è una prospettiva a lungo termine.

Ho sentito che possono riportarci di nuovo a Swift.

Sì, ho letto anche questo articolo. Ma in generale, dal mio punto di vista, con la soluzione del conflitto o il suo indebolimento, tutto tornerà lentamente indietro. Forse alcune cose globali per noi, come paese, saranno chiuse. Ma verrà ripristinata la normale circolazione delle merci.

Ho un'altra domanda sulla marcatura. Ha smesso di essere un grosso problema per i partecipanti al mercato? Ricordo che avevi la tua soluzione informatica per le aziende di etichettatura delle scarpe direttamente in produzione, ha messo radici? Lo usano gli importatori?

L'etichettatura è diventata un luogo comune. Anche se so che quest'anno i saldi sono stati rietichettati e molte aziende hanno avuto qualche tipo di difficoltà tecnologica o tecnica con questo. Ma non tocchiamo più tutto questo, abbiamo creato il nostro sistema. Attualmente vi lavorano circa trecento aziende cinesi, diverse turche, e continua a svilupparsi. A proposito, qualcosa di nuovo in termini di soluzioni tecnologiche: abbiamo lanciato un servizio per lavorare con i marketplace di evasione ordini. Ora in Russia c'è un vero boom delle vendite di scarpe online. Quest'anno, molti dei nostri clienti hanno moltiplicato i loro volumi di acquisto appositamente per i frutti di bosco. Francamente, c'è un'opinione secondo cui questo potrebbe a un certo punto comportare un eccesso di offerta, ma il tempo lo dirà.

Per il terzo anno, la turbolenta situazione dell'economia è andata avanti: le regole stanno cambiando, vengono introdotte restrizioni artificiali, le aziende russe stanno affrontando nuovi problemi e sfide. A proposito di modifiche...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Risultati della tavola rotonda dei calzolai con il Ministero dell'Industria e del Commercio della Federazione Russa, CRPT, NOBS e Wildberries

Il 15 settembre presso l'hotel Holiday Inn Sokolniki a Mosca si è tenuto un incontro strategico dei rappresentanti del Ministero dell'Industria e del Commercio della Federazione Russa, della CRPT, dell'Unione Nazionale delle Calzature (NOBS) e del più grande mercato russo Wildberries. All'incontro hanno partecipato...
18.09.2023 4947

Annuario mondiale delle calzature: la produzione globale di calzature raggiunge i 23,9 miliardi di paia ed è tornata ai livelli pre-pandemia

L'associazione portoghese dei produttori di calzature APICCAPS ha pubblicato la 13a edizione del bollettino statistico internazionale World Footwear Yearbook per il 2023, secondo il quale, nel 2022, la produzione e l'esportazione di scarpe nel mondo sono aumentate del 7,6% e…
28.07.2023 6508

Come raddoppiare le vendite di un negozio di scarpe?

Gli ultimi due anni sono stati così generosi di imprevisti che pensi involontariamente: "È necessario pianificare?" Tuttavia, devi pianificare. Il piano di vendita è il punto di riferimento per la tua attività. Pertanto, l'esperta di SR Maria Gerasimenko dà ...
11.07.2023 5365

Nuova direzione delle fiere ad Alma-Ata: Euro Shoes @ Elite Line & CAF

Euro Shoes entra in nuovi mercati e annuncia il lancio di un progetto espositivo ad Alma-Ata. La fiera all'ingrosso di scarpe, abbigliamento, pelle, pellicce e accessori Euro Shoes @ Elite Line si terrà in Kazakistan dal 30 luglio al 1 agosto 2023…
04.07.2023 4044

Tavola rotonda con i rappresentanti dei calzaturifici del Daghestan con il supporto del Ministero dell'Industria e del Commercio e della NOBS

Il 17-18 maggio si è tenuta a Makhachkala una tavola rotonda con produttori di scarpe e imprese del progetto strategico della Repubblica del Daghestan “Città…
23.05.2023 4661
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio