Rieker
Rivenditori tradizionali in cerca di consigli sui commercianti di Internet
25.01.2012 2329

Rivenditori tradizionali in cerca di consigli sui commercianti di Internet

I negozi online stanno diventando un vero ostacolo alla vendita al dettaglio offline nei mercati sviluppati. Grande rivenditore statunitense Target Corp. (il decimo più grande rivenditore globale in termini di vendite, che vende cibo, abbigliamento, elettronica e arredamento per la casa negli ipermercati) si è rivolto ai suoi fornitori per aiutarlo a gestire l'afflusso di acquirenti su Internet, scrive il Wall Street Journal. Gli acquirenti vengono nei normali negozi non per fare shopping, ma per provare vestiti o guardare l'elettronica e quindi ordinare questi prodotti su Internet a prezzi più bassi.

Target ha inviato una lettera ai fornitori chiedendo loro di progettare modelli personalizzati che non erano disponibili nei negozi concorrenti. E se il rilascio di merci speciali non è possibile, la catena chiede ai produttori di fornirgli tali sconti in modo che le merci sullo scaffale dell'ipermercato non siano più costose che su Internet. "Non vogliamo che i nostri negozi fungano da showroom per rivenditori online che non investono per costruire negozi", afferma una lettera firmata dal CEO di Target Gregg Steinhafel. La direzione dell'azienda insiste sul fatto che lo sviluppo del business reciprocamente vantaggioso in un ambiente sempre più competitivo è possibile solo con una stretta collaborazione tra produttori e venditori.

Trasformare i negozi offline in camerini e vetrine per i concorrenti online è una grande sfida per i rivenditori statunitensi, dal rivenditore di elettronica Best Buy al libraio Barnes & Noble, ma è improbabile che le tattiche di Target invertano la tendenza del mercato, affermano gli analisti. A loro avviso, beni esclusivi e sconti da fornitori non risolveranno problemi fondamentali: i costi dei rivenditori online per il personale e l'affitto sono significativamente inferiori e in molti stati le tasse per la vendita online sono inferiori.

Per il commercio al dettaglio russo, questo problema sta diventando sempre più significativo, afferma Andrei Shashkov, direttore del turismo Salomon e del negozio di articoli per esterni. Secondo lui, i rivenditori tradizionali possono perdere fino al 15% del fatturato a causa del fatto che l'acquirente li lascia su Internet. C'è solo una via d'uscita: andare online noi stessi: creare un'unità online e vendervi merci con uno sconto. Quindi verrà l'acquirente, scegli il prodotto e acquistalo nel tuo negozio online.

Neanche i rivenditori di abbigliamento di fascia media devono affrontare una forte concorrenza da parte di Internet. "Se parliamo del segmento medio più il prezzo, la massa critica di un pubblico femminile (dai 30 anni in su) che acquista vestiti nei negozi online è ancora piccola", afferma il direttore delle vendite di Olsen Rus (marchio Olsen) Lyudmila Klestova. I clienti di età compresa tra 30 e 40 anni preferiscono fare acquisti offline.

La cannibalizzazione del traffico al dettaglio offline da parte dei negozi online è una tendenza a lungo termine per l'intero mercato globale, concorda Denis Belov, proprietario del progetto Boutique.ru. E solo per le aziende che si concentrano strettamente sulle vendite tradizionali, questo diventa un vero problema: la maggior parte delle catene di negozi al dettaglio cercano di creare la propria divisione Internet. In Russia, il segmento del commercio online è significativamente indietro nello sviluppo dai mercati dei paesi sviluppati e solo pochi negozi online rappresentano una vera minaccia per i commercianti offline. “A volte abbiamo la situazione opposta: le persone studiano il prodotto su Internet e poi lo cercano nei negozi ordinari. Ma a poco a poco il pubblico dei rivenditori online si sta sviluppando, la fiducia nello shopping online sta crescendo ”, ha commentato Belov. Su questo giornale Vedomosti.
I negozi online stanno diventando un vero ostacolo alla vendita al dettaglio offline nei mercati sviluppati. Il principale rivenditore statunitense Target Corp. (il decimo rivenditore mondiale in termini di vendite, che ...
5
1
Valutazione

Ultime notizie

Paco Rabann muore a 88 anni in Francia

Un designer di origine spagnola il cui stile è diventato sinonimo di estetica dell'era spaziale, Paco Raban è morto all'età di 88 anni durante...
04.02.2023 391

Uno dei fondatori della National Shoe Union Sergey Prytkov è morto

Sergei Prytkov, uno dei fondatori della National Shoe Union (NOBS), un'organizzazione industriale che unisce produttori, fornitori e venditori di calzature, è morto all'età di 66 anni ...
03.02.2023 199

Tiffany e Nike svelano la Air Force Capsule congiunta

Il risultato della collaborazione Tiffany-Nike è stato brevemente tenuto nascosto con la Nike Air Force 1 in pelle scamosciata nera con la virgola distintiva di Nike in Tiffany Blue. Dal marchio di gioielli di scarpe sono state posizionate anche sul tallone delle scarpe da ginnastica ...
03.02.2023 491

Il marchio di scarpe architettoniche Nicholas Kirkwood sta chiudendo

Il designer britannico Nicholas Kirkwood ha preso la decisione di chiudere il suo omonimo marchio di scarpe dopo 18 anni di sviluppo. Fondato nel 2005, Nicholas Kirkwood è un marchio di lusso noto per il suo design innovativo e architettonico…
02.02.2023 341

Ferragamo registra una crescita dei ricavi nel 2022

Il gruppo italiano del lusso Salvatore Ferragamo riporta una crescita delle vendite nel 2022 in tutte le regioni ad eccezione dell'Asia-Pacifico, dove la crescita è rallentata a causa delle misure di quarantena legate alla diffusione di...
01.02.2023 326
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio