Rieker
Produzione russa: essere, non essere, cosa essere?
30.08.2011 8075

Produzione russa: essere, non essere, cosa essere?

Le prospettive per la produzione di calzature russe sono state discusse in una tavola rotonda nel centro stampa della Rossiyskaya Gazeta il 23 settembre 2008. La rilevanza è chiara: è difficile competere con le importazioni legali e un tentativo di resistere all'assalto di dumping di prodotti contraffatti mette i produttori sull'orlo della rovina. E ciò che è tipico, tutti i problemi sono ancora al di fuori della zona di influenza delle aziende calzaturiere: la regolamentazione doganale, la capacità di pagare della popolazione, la mancanza di infrastrutture per materie prime e componenti. Dov'è l'uscita?

Testo: Galina Kuznetsova

Secondo Natalya Tsvetotskaya, direttore generale della società Main Step, lo sviluppo del settore è limitato dalla bassa solvibilità dei russi. I prodotti di alta qualità non sono convenienti, le scarpe per bambini domestiche non fanno eccezione e non rientrano nel gruppo di prezzo più basso.

Il direttore dell'Agenzia russa per il sostegno alle piccole e medie imprese (PMI) Viktor Ermakov ritiene che la legislazione odierna nel settore delle piccole e medie imprese consenta ai produttori di scarpe di produrre prodotti competitivi. “Una grande impresa può optare per il ridimensionamento e utilizzare tutte le preferenze delle piccole imprese. Ciò offre al produttore l'opportunità di garantire il rilascio di un prodotto di qualità. Ma tutto ciò funzionerà alle condizioni della normale concorrenza ", ha spiegato. Vale a dire, non è ancora in Russia, poiché le importazioni rimangono "grigie". Per risolvere questo problema, Viktor Ermakov ha suggerito di utilizzare un approccio europeo alla regolamentazione del mercato. Tuttavia, questa non è una panacea - perché gli stessi europei non hanno un accordo sui loro regolatori. La discussione di settembre sull'antidumping è la migliore prova di ciò (vedi l'articolo. "Antidumping: continua" in questo numero). Così come negli Stati Uniti, per diversi anni il Congresso ha discusso l'istituzione di un dazio del 30% sui beni cinesi, ma ha abbandonato questa idea, esaminando attentamente il potenziale effetto.

È chiaro che le importazioni "grigie" e la contraffazione rimarranno temi rilevanti per molto tempo a venire. Almeno, è bello che ci sia stato un certo cambiamento nell'enfasi alla tavola rotonda: invece di combattere la contraffazione, hanno iniziato a parlare di protezione contro le importazioni di scarsa qualità. Pertanto, il processo astratto ha un obiettivo molto specifico, che porterà ad azioni concrete (in ogni caso, lo voglio davvero sperare).

Alexander Karpov, primo vicedirettore del Dipartimento per il sostegno e lo sviluppo delle piccole imprese a Mosca, ha affermato che il sesto programma di sostegno alle piccole imprese è stato attuato a Mosca. Ora il concetto di programma per il 2010-12 è in fase di sviluppo. L'attuale programma prevede sostegno finanziario per le piccole imprese nell'acquisizione di attrezzature e componenti, garanzie per prestiti da banche commerciali e abbuoni di interesse per prestiti. Si discute anche del sostegno alla proprietà: assegnazione di terreni per l'acquisizione di beni immobili da parte delle piccole imprese.

Tuttavia, nonostante i numerosi programmi cittadini a sostegno delle piccole imprese e del settore calzaturiero, ad esempio a Mosca, secondo Karpov, è difficile da sviluppare. È necessario formulare la gestione della produzione e delle vendite in modo diverso, prestare attenzione alla ricerca e sviluppo e allo sviluppo di nuovi prodotti.

Inoltre, Karpov è sicuro che il problema della formazione e della riqualificazione del personale professionale sia un grave problema per l'industria. Il fallimento dell'istruzione professionale secondaria, formatosi negli ultimi 15 anni, si fa ora sentire. Il funzionario ha dichiarato di essere pronto per andare all'estero per fare esperienza con le loro tecnologie educative e di inviare idealmente i nostri imprenditori a studiare lì. Inoltre, il governo di Mosca sta attualmente discutendo un compenso per il 75% del costo della formazione degli uomini d'affari nell'ambito del programma MBA.

Aleksandr Karpov è stato ferito da uno dei posti più dolorosi: perché tutte le buone idee funzionino, gli imprenditori dovrebbero essere una singola comunità d'affari, ma per ora i produttori di scarpe vivono e lavorano separatamente.

Il CEO di Ralf Ringer Andrei Berezhnoy, parlando delle prospettive di produzione a Mosca e nelle regioni, ha affermato che gli specialisti regionali mancavano di energia e competenze, mentre a Mosca le persone sono pronte a lavorare rapidamente. Inoltre, tutto ciò di cui un'azienda ha veramente bisogno, e ciò che non può fare da solo, è garantire un mondo economicamente equilibrato. E il resto - per imparare i manager, risolvere i problemi di certificazione - un'azienda può farlo da sola.

Naturalmente, i partecipanti hanno confrontato il mercato delle scarpe russo con quello straniero per capire come si stanno sviluppando, quali metodi e strumenti funzionano per loro: “Perché i piccoli produttori in Russia non possono competere, ma in Italia possono. Questa è una domanda Cosa siamo più stupidi degli italiani? Cosa, non possiamo fare il nostro lavoro? "

Krug Alexei Kistenev, presidente dell'associazione no profit per il sostegno delle aziende di calzature al dettaglio, ritiene che le piccole industrie forniscano una maggiore motivazione per i lavoratori e un gran numero di piccole imprese crea non solo una forte concorrenza, ma dà anche vita alla moda. Grazie al quale l'Italia riesce a rimanere a galla.

In effetti, il settore calzaturiero italiano può essere considerato di piccole dimensioni in modo abbastanza condizionale. In effetti, la maggior parte delle fabbriche italiane non è molto diversa da un edificio residenziale (a proposito, a volte il proprietario della fabbrica vive effettivamente all'ultimo piano). Le fabbriche sono molto compatte, ci sono davvero pochi lavoratori, molto lavoro manuale, i volumi di produzione non sono milioni. Ma!

Marketing, pubbliche relazioni, relazioni con il governo, pubblicità - tutto esiste a due livelli molto più grandi - regionale e federale.

In ogni provincia di calzature (Brenta, Marche, Vigevano) esiste un consorzio di produttori di calzature che fornisce l'avvio di attività di commercio estero, risolve questioni doganali, esercita pressioni sugli interessi dei produttori di scarpe con le autorità regionali, lavora con le camere di commercio regionali. Ogni provincia di scarpe ha una propria scuola di design, che fornisce all'azienda personale - sia corsi di istruzione primaria che corsi di formazione continua.

Dopo ogni mostra MICAM, i consorzi regionali, insieme all'ICE, organizzano i viaggi dell'acquirente in regioni in cui gli imprenditori hanno l'opportunità di conoscere il lavoro delle fabbriche, effettuare ordini direttamente nelle fabbriche o nelle presentazioni. I consorzi regionali stanno preparando le aziende a partecipare a mostre straniere, conducendo i propri programmi promozionali.

A livello nazionale, esiste una struttura ancora più ampia: l'Associazione dei produttori di scarpe italiani (ANCI), che risolve in modo analogo tutte le questioni relative al sostegno dei produttori e dell'attività economica estera, solo a un livello diverso: ministeri e organi legislativi europei. I compiti dell'ANCI includono la campagna pubblicitaria transnazionale di marchi non specifici, ma le scarpe italiane nel loro insieme (il programma è stato sviluppato per diversi anni, ora passa sotto il motto Golden Italy, prima di allora - Adoro le scarpe italiane) e preparare le aziende per la partecipazione alle mostre e l'organizzazione delle proprie presentazioni all'estero, lo svolgimento di ricerche di mercato globali e la ricerca di determinati vettori di sviluppo.

Allo stesso tempo, le aziende calzaturiere sono generalmente incluse in entrambi i sindacati di scarpe regionali e nazionali.

Cioè, infatti, risulta che a livello nazionale, in quanto esportatori, le aziende italiane agiscono a livello di rispettabili corporazioni e potenti giganti dello sport, quindi non è corretto parlare di piccole imprese come modello di sviluppo, dietro questa piccola impresa c'è una grande macchina statale.

Ciò che ammira veramente l'approccio italiano alla produzione e vendita di scarpe.

1. Il sistema. Inizialmente gli italiani si aspettano che non dovranno esistere da soli, ma dovranno far parte della comunità delle calzature.

2. Un sistema in cui esistono elementi a diversi livelli di governo.

3. Un sistema in cui elementi esistenti a diversi livelli di potenza sono sincronizzati tra loro.

4. Un sistema in cui elementi esistenti a diversi livelli di governo, sincronizzati tra loro, sono soggetti a una politica coerente (basta guardare alle loro pressioni per i dazi antidumping).

Che cosa può o non possiamo ripetere? Esternamente: abbiamo quasi tutto uguale.

Ci sono associazioni federali: la National Shoe Union, la Russian Union of Tanners and Shoemakers. Ci sono relazioni con il governo: abbiamo un CCI, abbiamo un OPORA della Russia, con il quale la NLB lavora a stretto contatto. RSKO collabora con l'Associazione Roslegprom; ci sono opportunità per difendere gli interessi delle aziende calzaturiere presso il Ministero dello sviluppo economico e del commercio e il Ministero dell'industria e dell'energia. In ogni centro di scarpe (Mosca, San Pietroburgo, Rostov-sul-Don, Novosibirsk) ci sono università, ci sono scuole (non toccando il tema della qualità dell'istruzione, ora stiamo solo parlando della struttura).

Non ci sono associazioni regionali di aziende calzaturiere. Non esiste un marketing generale, né nelle regioni, né a livello centrale. Non c'è sinergia.

Ancora una volta, una piccola ma caratteristica differenza di enfasi.

I produttori italiani parlano di buone calzature semplicemente affermando il fatto: "Produciamo calzature eccellenti". I nostri produttori dicono di buone calzature: "Calzature molto buone, se non guardi l'etichetta, nessuno penserà nemmeno a quello che è stato fatto in Russia, esteriormente - pura Europa". È chiaro che non tutti lo dicono, ma la maggioranza lo dice, il che determina la direzione generale dello sviluppo. Non è la concorrenza che dà origine ai profitti italiani e allo status italiano di trendsetter, non è un gran numero di piccole imprese, ma la sinergia - una vera unione di un numero davvero grande di aziende molto piccole e il sostegno dello Stato.

Le prospettive per la produzione di calzature russe sono state discusse in una tavola rotonda nel centro stampa della Rossiyskaya Gazeta il 23 settembre 2008. La rilevanza è chiara: competere con le importazioni legali ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

"C'era una luce alla fine del tunnel ..." I partecipanti del mercato calzaturiero sulla situazione del settore.

Il 2020 è diventato un anno di crisi per il settore reale dell'economia e dell'industria calzaturiera. Shoes Report ha parlato con le società all'ingrosso, con Mikhail Kryuchkov, il capo della società di distribuzione Paloma, che rappresenta una serie di calzature spagnole sul mercato russo ...
22.12.2020 6733

Stagione morta. Cosa trasformerà la quarantena Covid-19 per la vendita al dettaglio di scarpe

La vendita al dettaglio di scarpe riprende le operazioni a Mosca e nelle regioni, calcola le perdite, valuta le prospettive. Due mesi e mezzo di inattività si sono rivelati un serio test per ...
01.06.2020 16745

10 principali tendenze nel commercio al dettaglio per i prossimi 3 anni

Dieci tendenze principali emergenti nell'ultimo anno, che determineranno lo sviluppo del commercio mondiale nel prossimo futuro
11.03.2020 20682

La marcatura delle scarpe è iniziata. MTCT nominato operatore del progetto pilota di etichettatura

Il 1 ° giugno 2018 è stato lanciato un progetto pilota per la marcatura delle scarpe in Russia, finora su base volontaria. L'operatore di sistema è stato nominato una sussidiaria del Centro per lo sviluppo di tecnologie avanzate "Operatore CRPT", creato per implementare l'Unified National ...
23.07.2018 10710

Chipping shoes: essere o non essere

La proposta del Ministero dell'Industria e del Commercio della Russia sulla marcatura (scheggiatura) delle scarpe ha causato un'accesa discussione tra esperti e partecipanti alla scarpa ...
10.08.2017 30995
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio