Rieker
Sostenibilità nel settore calzaturiero. A che punto siamo, quali sono le tendenze principali?
21.03.2022 3227

Sostenibilità nel settore calzaturiero. A che punto siamo, quali sono le tendenze principali?

L'UE si sta muovendo verso un'economia circolare e climaticamente neutra, il che significa che qualsiasi prodotto oggi deve essere più efficiente dal punto di vista energetico, durevole, riutilizzabile, riparabile e riciclabile. Le industrie della moda e del tessile, note per avere un grande impatto sull'ambiente, sono in prima linea nel cambiamento e nella sostenibilità. Materiali innovativi creati da materiali riciclati e riciclati in futuro, nuove tecnologie nelle tradizionali industrie della pelle, collaborazioni con esperti ambientali e, soprattutto, completa trasparenza dell'intera filiera: questi sono i principali vettori per lo sviluppo dell'industria calzaturiera oggi. Diamo un'occhiata alle best practices dei leader di mercato per capire quali passi sono possibili per iniziare in questa direzione. Comprendere le tendenze della sostenibilità con l'esperta Olga Steinberg.

Olga Steinberg Olga Steinberg - Amministratore Delegato di Sees.Group, agenzia di comunicazione specializzata in sviluppo sostenibile, autrice del canale Telegram "Fashion-pumping".
Sees.Group è un'agenzia di comunicazione che aiuta i marchi a trovare le loro storie per dialogare e creare fiducia. Specializzazione - tutti i tipi di comunicazione (PR, social network, influencer, marketing B2B). Uno degli obiettivi chiave dell'agenzia è lo sviluppo sostenibile. In questa direzione, l'agenzia sviluppa strategie, attiva programmi, coinvolge comunità e stakeholder in iniziative di sviluppo sostenibile e comunica anche in questa direzione.

Materiali innovativi

Forse questa è una delle aree di sviluppo più attivo nel settore calzaturiero. È chiaro che solo i grandi marchi possono svilupparsi ad alto livello e con possibilità di scalabilità. Ma sono i driver dell'intero mercato. Oggi per loro è una delle nuove direzioni di sviluppo del business. Un ottimo esempio è Demetra, il sostituto della pelle vegetale di Gucci. È un nuovo materiale per il 77% di origine vegetale, una miscela di viscosa e polpa di legno proveniente da fonti forestali sostenibili e poliuretano a base biologica da fonti rinnovabili. Combina qualità, morbidezza, durata, rispetto dell'ambiente e, soprattutto, scalabilità. Gucci prevede di rendere Demetra disponibile per l'intera industria della moda a partire dal 2022. L'azienda ha impiegato due anni di ricerca e sviluppo per sviluppare il materiale.

Il fatto che le aziende stiano investendo in tali sviluppi conferma la crescente importanza di pratiche etiche e sostenibili nel settore della moda.

Inoltre, l'uso di componenti non rispettosi dell'ambiente è ridotto al minimo nei nuovi prodotti e sono in corso ricerche per sostituirli. I rifiuti Demetra generati durante la produzione verranno riciclati e riutilizzati.

Demetra è prodotto nello stabilimento Gucci in Italia utilizzando gli stessi processi di concia della vera pelle. Ciò consente di rendere il materiale morbido, resistente, elastico e flessibile.

I primi prodotti realizzati da Demetra sono state le sneakers Gucci Basket, Gucci New Ace e Gucci Rhyton: la maggior parte della tomaia e parte della fodera sono realizzate con questo materiale.

Sviluppato un nuovo materiale e American Crocs. L'azienda promette che le loro scarpe saranno al 100% bio-based. Il nuovo materiale Ecolibrium è sintetizzato da idrocarburi estratti da risorse rinnovabili e rifiuti organici - olio di palma e carta di cellulosa. Il materiale innovativo è stato sviluppato in collaborazione con Dow, un'azienda globale di materiali specializzata nel riciclaggio di rifiuti biologici e industriali in prodotti di calzature.

Anche i piccoli marchi sono attivamente coinvolti nello sviluppo. Qui segnaliamo il produttore francese di sneakers VEJA, che segue pienamente i principi dello sviluppo sostenibile nel suo lavoro. L'azienda utilizza cotone biologico coltivato da associazioni di agricoltori in Brasile e Perù. Il metodo di coltivazione implica cura e rispetto delle persone e dell'ambiente. L'azienda acquista cotone (materia prima) anziché tessuto finito in modo equo e solidale e utilizza prevalentemente solo tale cotone per i suoi prodotti. Dal 2004, VEJA ha acquistato 195 tonnellate di gomma selvatica direttamente dalle comunità locali degli stati brasiliani, salvando 120 ettari di foresta amazzonica. In un'azienda calzaturiera, la gomma viene utilizzata per realizzare le suole delle sneakers: ne consistono per il 000-18%. Lo scopo di questa eco-campagna è aumentare il valore economico della foresta per la sua conservazione.

Anche la creazione di materiali da rifiuti riciclati è un'importante area di sviluppo. Così il marchio portoghese Undo for Tomorrow ha rilasciato delle sneakers realizzate con palloncini riciclati. La tomaia della scarpa è realizzata in plastica riciclata con finitura idrorepellente, che la rende pratica per tutte le condizioni atmosferiche. La suola in gomma della sneaker è composta da palloncini scartati e residui di pneumatici, è antiscivolo e abbastanza flessibile. La fodera per scarpe realizzata al 100% in bambù ha un effetto antibatterico e assorbe gli odori.

Ci sono anche materiali provenienti da materie prime completamente non ovvie. Così il marchio sportivo svizzero On ha creato una nuova schiuma chiamata CleanCloud che trasforma le emissioni di carbonio in una suola per scarpe da corsa. L'azienda ha collaborato con gli innovatori di biochimica, processi e polimeri LanzaTech e Borealis su una tecnologia che ritengono possa essere utilizzata in futuro in altre parti e prodotti di calzature. On, che afferma di essere la prima azienda a utilizzare le emissioni di carbonio come materia prima principale per le suole delle scarpe, spera di utilizzare la tecnologia in tutte le sue scarpe nel tempo.

Startups

Nel frattempo, YY Nation, un nuovo marchio di calzature sostenibili con sede nella capitale della Nuova Zelanda, ha lanciato la Legacy Footwear Collection, che include sneakers con l'impronta di carbonio più bassa del mondo, come verificato dalla doppia certificazione indipendente. Lanciando una campagna Kickstarter l'anno scorso per finanziare la sua idea, YY Nation ha raggiunto con successo e poi quadruplicato il suo obiettivo di raccolta fondi, raccogliendo oltre NZ $ 80 da quasi 985 persone che la pensano allo stesso modo. Ora, dopo tre anni di ricerca e sviluppo, le scarpe Nimbo di YY Nation, realizzate con bambù e alghe, hanno un'impronta di carbonio di 500 kg di anidride carbonica equivalente (CO5,45e), tre volte meno emissioni di carbonio rispetto alle normali scarpe da corsa.

La produzione tradizionale diventa più verde

Anche se il marchio non utilizza materiali innovativi e nuovi rispettosi dell'ambiente, ha sempre la possibilità di contribuire alla conservazione dell'ambiente del pianeta. Come sapete, la lavorazione della pelle per l'ulteriore produzione di scarpe, borse e accessori è un processo che richiede un'enorme quantità di acqua ed energia. Qui possiamo fare un esempio di un marchio danese Ecco, che non ha solo annunciato la sua intenzione di diventare rinnovabile entro il 2028, ma entro la fine del 2021, una produzione di calzature 100% senz'acqua. Il laboratorio di ricerca applicata di Ecco è stato in grado di garantire che i tannini utilizzati nel processo di lavorazione della pelle conservino i suoi collageni naturali senza l'aggiunta di acqua. La pelle sintetica in pratica non differisce per le principali caratteristiche di qualità e shelf life dei materiali da quelle ottenute dai tradizionali processi di concia. Oltre al risparmio idrico, la tecnologia Dri Tan2.0 riduce significativamente la necessità di prodotti chimici, eliminando virtualmente gli sprechi sotto forma di acque reflue. Inoltre, Ecco utilizza i materiali nel modo più efficiente possibile: le borse vengono cucite da un unico pezzo, il resto va a cinture e parti di scarpe. E la suola non è in gomma, ma in poliuretano, evitando così l'uso della colla.

Educazione dei consumatori

Impossibile parlare di iniziative ambientali senza citare adidas, che forse è uno dei pionieri in questa direzione. Dal 2015, adidas collabora con l'organizzazione ambientalista Parley for the Oceans per ripulire la plastica negli oceani. Entro la fine del 2021, adidas prevede di produrre 17 milioni di paia di scarpe utilizzando rifiuti di plastica riciclata raccolti dalle spiagge e dalle zone costiere. L'anno scorso sono state prodotte 15 milioni di paia di tali scarpe. adidas espande costantemente la sua offerta vegana e sta eliminando completamente l'uso della pelliccia. In collaborazione con i partner, adidas sviluppa pellami di origine vegetale, cotone riciclato e soprattutto scarpe da corsa rispettose del clima.

È interessante notare che adidas è attenta ai mercati locali e collabora con influencer ed esperti locali in tutte le sue campagne. E lo fanno non solo per promuovere i propri prodotti, ma anche per coinvolgere più persone possibile sul tema dell'ecologia. Così, nell'ambito della campagna Run for the ocean di quest'anno, Bulyash Todayeva, designer industriale, ingegnere nel campo dello sviluppo sostenibile e fondatore del progetto Zerowastelab, e Alexei Bakhmetiev, presentatore televisivo noto per le sue invenzioni upcycle, sono diventati ambasciatori del marchio. Insieme a Bulyash, adidas ha sviluppato e lanciato il chatbot di adidas Telegram "Kroshka", che in una forma accessibile raccontava agli abbonati semplici eco-abitudini domestiche e consigli condivisi per uno stile di vita consapevole. Insieme a Kroshka, gli utenti hanno determinato le etichette di plastica dalle fotografie, hanno trovato il punto più vicino per il riciclaggio e lo smistamento dei rifiuti, hanno ricevuto informazioni utili dagli esperti e hanno conosciuto il tema dell'ecologia in modo affascinante. Pertanto, le aziende sono impegnate non solo direttamente nello sviluppo di nuovi materiali, ma anche nell'educazione del consumatore, coinvolgendolo in uno stile di vita rispettoso dell'ambiente.

Richiama l'attenzione sui problemi dei detriti oceanici e sulle leggendarie Converse. Quest'anno hanno aperto un negozio virtuale Renew Labs su un'isola della spazzatura nell'Oceano Pacifico. Quest'isola è composta da 80 tonnellate di plastica e copre un'area più grande della Francia. Renew Labs è un progetto di realtà ibrida che consente ai visitatori di tutto il mondo di passeggiare e fare acquisti sull'isola dei rifiuti. Presenta una collezione di scarpe ecologiche disegnate da All Stars, giovani creatori preoccupati per le questioni ambientali del mondo. Hanno utilizzato tecnologie con i rifiuti meno dannosi, da metodi innovativi a metodi più familiari. I fondi raccolti da Converse dalla vendita di scarpe da ginnastica verranno utilizzati per pagare la pulizia dell'Oceano Pacifico e l'eliminazione dei rifiuti.

Dagli "illuminatori" russi voglio parlare del progetto recycle99. Inizialmente concepito come un marchio di accessori e oggetti per interni realizzati con plastica riciclata e materiali riciclati, è anche attivamente coinvolto in attività didattiche. I bambini conducono escursioni al negozio di riciclaggio della plastica, laboratori didattici su uno stile di vita eco-friendly. Il progetto collabora con varie aziende per creare merce ecologica per loro e crea semplicemente collaborazioni interessanti, tra cui borse per cosmetici in pellicola LDPE riciclata per la rivista Flacon, impermeabili di imballaggi per la società di logistica SDEK, mobili per il negozio shu.archive e molti altri altri interessanti prodotti realizzati con materie prime riciclate. recycle99 ha anche creato una confezione regalo per una tuta Stan Smith e scarpe da ginnastica realizzate con plastica riciclata per adidas. Attraverso questo progetto, hanno riciclato 150 kg di tappi di plastica HDPE (2) in 48 scatole. È riciclabile al 100%. Nessun materiale vergine è incluso in questi prodotti.

lavorazione

Ci sono anche rivenditori di scarpe in Russia preoccupati per il riciclaggio. Uno di questi è Rendez-Vous. Dal 2019 raccolgono scarpe nei loro negozi (e puoi anche regalarne due paia a un corriere che consegna un ordine online) e le trasferiscono allo stabilimento di Dmitrovsky RTI. In fabbrica, le scarpe verranno smistate per materiale e trasformate in piccole briciole, da cui produrranno rivestimenti in gomma sicuri per stadi, piste sportive, campi da gioco e campi da gioco.

Le origini di questo uso delle scarpe vengono da Nike, dai primi anni '1990. Fu allora che Steve Potter di Nike iniziò a sperimentare con la rettifica di vecchie scarpe da ginnastica e attrezzi per ricavarne nuove materie prime. Tutto ciò ha portato al massiccio programma Reuse-A-Shoe, che esiste ufficialmente dal 1993, quando Nike ha aperto un campo da basket nel suo centro di distribuzione a Wilsonville, nell'Oregon. La superficie del campo era realizzata con il materiale risultante ed era chiamata Nike Grind. Da allora, il marchio sportivo e i partner hanno riciclato più di 60 tonnellate di rifiuti, inclusi 30 milioni di paia di scarpe da ginnastica, per Nike Grind. Oggi, Nike Grind macina un'ampia gamma di rifiuti, dai campioni e dagli scarti in eccesso a quelli fuori stampa. La missione dell'azienda è ridurre gli sprechi ove possibile e riutilizzarli quando possibile. Nel corso degli anni, la tecnologia Nike Grind è stata utilizzata in aree completamente diverse. Come materia prima per erba artificiale e palloni da calcio, per piste da corsa e suole.

Lo sviluppo sostenibile oggi non è solo parole. Ci sono sempre opportunità per le aziende di qualsiasi settore di trovare i propri vettori per iniziare a muoversi verso la sostenibilità della propria attività e diventare così più attraenti sia per i propri clienti che per i potenziali investitori. Dopotutto, sono le aziende sostenibili che pensano non solo alla crescita dei profitti, ma intraprendono anche azioni mirate a un impatto positivo sull'ambiente e sulla società, che avranno più successo in futuro.

1. Materiali innovativi creati da materiali riciclati e riciclati in futuro, nuove tecnologie nelle tradizionali industrie della pelle, collaborazioni con esperti ambientali e, soprattutto, completa trasparenza dell'intera filiera: questi sono i principali vettori per lo sviluppo dell'industria calzaturiera oggi .

2. Compaiono anche materiali provenienti da materie prime completamente non ovvie. Così il marchio sportivo svizzero On ha creato una nuova schiuma chiamata CleanCloud che trasforma le emissioni di carbonio in una suola per scarpe da corsa.

3. Anche se il marchio non utilizza materiali innovativi e nuovi rispettosi dell'ambiente, ha sempre la possibilità di contribuire alla conservazione dell'ambiente del pianeta. Ad esempio, come l'ECCO danese, riducendo la quantità di acqua utilizzata nel processo di lavorazione della pelle.

4. Molti marchi leader, ad esempio adidas, non solo sono direttamente coinvolti nello sviluppo di nuovi materiali ed eco-tecnologie, ma anche nell'educazione del consumatore, coinvolgendolo in uno stile di vita eco-friendly.

L'UE si sta muovendo verso un'economia circolare e climaticamente neutra, il che significa che qualsiasi prodotto oggi deve essere più efficiente dal punto di vista energetico, durevole, riciclabile,...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Annuario mondiale delle calzature: statistiche sul mercato delle calzature russe per il 2020

Il bollettino analitico APICCAPS, l'Associazione portoghese dei produttori di componenti per calzature e prodotti in pelle, World Footwear Yearbook ha pubblicato un rapporto sul mercato calzaturiero russo al momento del 2020. Sebbene attualmente in...
26.05.2022 1624

Programma aziendale EURO SHOES PREMIERE COLLECTION

Nell'ambito della fiera internazionale EURO SHOES dal 22 al 23 febbraio si terrà un ricco programma di affari. Per due giorni, i principali esperti del mercato della moda, business coach e consulenti al dettaglio,...
04.02.2022 2740

"C'era una luce alla fine del tunnel ..." I partecipanti del mercato calzaturiero sulla situazione del settore.

Il 2020 è diventato un anno di crisi per il settore reale dell'economia e dell'industria calzaturiera. Shoes Report ha parlato con le società all'ingrosso, con Mikhail Kryuchkov, il capo della società di distribuzione Paloma, che rappresenta una serie di calzature spagnole sul mercato russo ...
22.12.2020 11394

Stagione morta. Cosa trasformerà la quarantena Covid-19 per la vendita al dettaglio di scarpe

La vendita al dettaglio di scarpe riprende le operazioni a Mosca e nelle regioni, calcola le perdite, valuta le prospettive. Due mesi e mezzo di inattività si sono rivelati un serio test per ...
01.06.2020 19312

10 principali tendenze nel commercio al dettaglio per i prossimi 3 anni

Dieci tendenze principali emergenti nell'ultimo anno, che determineranno lo sviluppo del commercio mondiale nel prossimo futuro
11.03.2020 23342
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio